Michael Schumacher è in coma: ultimi aggiornamenti dopo bollettino medico

By | 30 dicembre 2013

Michael-Schumacher-è-in-coma-ultimi-aggiornamenti-dopo-bollettino-medico

Michael Schumacher è in condizioni critiche, il bollettino medico diffuso alle ore 11,00 di oggi dallo staff medico dell'Ospedale di Grenoble di Francia parla chiaro: al momento non è possibile pronunciarsi sulla sopravvivenza o meno dell'ex pilota della Ferrari.

Il tanto amato pilota dalla tifoseria di Maranello era in Francia, a Mèribel in Alta Savoia nota per essere uno dei centri sciistici  più famosi in Europa, in vacanza con tutta la sua famiglia per festeggiare il nuovo anno e il suo compleanno, infatti, il prossimo 3 gennaio Schumi compirà quarantacinque anni.

Ieri intorno alle 11,00 in compagnia di alcuni amici e del figlio quattordicenne l'ex pilota tedesco si è avventurato in una escursione fuori pista della stazione sciistica di  Christophe Gernignon-Lecomte ma per motivi non ancora conosciuti, probabilmente in seguito ad una caduta, ha urtato violentemente il capo contro una roccia.

Ai soccorritori  le condizioni non sono sembrate gravi anche perchè Michael era dotato del casco protettivo.

Michael Schumacher è stato immediatamente trasportato all'ospedale di Grenoble dove i medici hanno riscontrato una emorragia cerebrale e un trauma cranico.

Schumi è stato immediatamente sottoposto ad un intervento per ridurre l'emorragia e attualmente è in coma farmacologico.

Il mondo della formula 1, subito dopo la notizia, si è mobilitato.

In mattinata al capezzale di uno dei più grandi piloti di tutti i tempi sono arrivati due ex dirigenti della Ferrari e grandi amici di Schumi, Jean Todt, Ross Brawn e l'attuale campione del mondo il pilota tedesco della Red Bull, Sebastian Vettel.

Michael Schumacher nella sua lunga carriera di pilota, ha corso in formula 1 per diciannove anni, ha conquistato 7 titoli mondiali, due con la scuderia delle Benetton allora gestita da Flavio Briatore e 5 con la “sua” Ferrari.

Molti i messaggi di incoraggiamento inviati a mezzo social network per sostenere il pilota nella più difficile corsa della sua lunga carriera.

loading...