Abbuffate di Natale, i consigli per purificare fegato ed intestino

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppLinkedInFlipboardCondividi

Abbuffate-di-Natale-i-consigli-per-purificare-fegato-ed-intestino

In molti in questi lunghi giorni di feste hanno abusato nel mangiare e ora faticano a rimettersi informa. Panettoni, spumanti e dolci di ogni genere hanno riempito le nostre tavole durante tutto il periodo natalizio ed hanno provocato in molti un aumento di peso.

In tanti si chiedono come poter smaltire in fretta i chili di troppo e le tossine accumulate in questo periodo di feste? In aiuto ci vengono i dietologi della associazione Nazionale Dietisti che affermano che è importantissimo in questo periodo post feste fare una dieta purificante a base di alimenti molto semplici.

L’Associazione Nazionale Dietisti avverte che dopo il pranzo di Natale e del cenone di fine anno bisogno ricorrere ai ripari. I dietologi avvertono che i valori di trigliceridi e di colesterolo in questo periodo sono schizzati alle stelle ed in tanti hanno anche accumulato qualche chilo in più rispetto al peso normale.

I problemi causati dal mangiare troppo di questi giorni sono di “intestino irritato e di un affaticamento del fegato”.  I medici avvertono che non basta solo bere delle tisane per depurare l’intestino ma occorre una dieta specifica che dovrà necessariamente essere a base di frutta e verdura. In particolare i dietologi avvertono che tutti gli alimenti per una dieta depurante del dopo le feste devono essere poco conditi.

Non solo serve una buona dieta, secondo i dietologi, ma bisogna rimettere in moto l’organismo praticando sport o, per chi conduce una vita sedentaria, iniziare a camminare più spesso magari lasciando la macchina a casa e andando a piedi a lavoro.

Giovanna Cecchetto, una delle dietologhe responsabili dell’Associazione Nazionale Dietisti, ha affermato che: “L’eccesso di un’alimentazione particolarmente grassa, e a Natale non si tratta solo di un giorno ma di un periodo prolungato provoca aumento di colesterolo e trigliceridi e affatica in particolare il fegato”. Secondo la dietologa non serve digiunare ma occorre mangiare cibi semplici.

Giovanna Cecchetto, inoltre, avvisa che le cene con cibi molto grassi ed aver alzato un po’ il gomito con l’alcol provocano inevitabilmente una irritazione dello stomaco e dell’intestino.

La Cecchetto dice che “Per riabilitarlo non serve il digiuno ma un periodo di disintossicazione, con molta acqua e condimenti semplici, a base di olio di oliva a crudo. Fondamentale ridurre al massimo grassi, zuccheri semplici e bevande alcoliche, ma anche introdurre più cereali integrali e fonti proteiche vegetali come i legumi al posto di carne o formaggi”. In questo periodo, secondo la famosa dietologa, bisogna mangiare molte “verdure ma crude, bollite o cotte al vapore, non ripassate nell’olio”.