Le acque del mare sono troppo calde, i granchi colonizzano la terra

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppLinkedInFlipboardCondividi

Le-acque-del-mare-sono-troppo-calde-i-granchi-colonizzano-la-terra

L’habitat dei mari in questi ultimi anni sta avendo una trasformazione impensabile fino a qualche tempo fa. L’innalzamento delle temperature ha provocato un innalzamento delle temperature dell’acqua degli oceani e dei mari ma anche un’inferiore ossigenazione rispetto al passato. I granchi, una delle specie anfibie più comuni sulla Terra, sembra che abbiamo preso una clamorosa decisione: ritornare a vivere sulla terraferma.

Lo studio sul mutamento delle abitudini dei granchi è stato svolto da alcuni ricercatori toscani che hanno collaborato con gli studiosi dell’ Alfred Wegener Institute for Polar and Marine Research, uno dei centri ricerche più rinomati d’Europa che studia da anni gli effetti dei cambiamenti climatici. La ricerca sulle nuove abitudini dei granchi è stata condotta da un team di scienziati guidati da Stefano Cannicci.

I ricercatori toscani hanno concentrato le loro attenzioni sui granchi che vivono sulle coste di Calafuria, una città che si affaccia sul Mar Tirreno in provincia di Livorno. Gli studiosi hanno potuto constatare che interi branchi di granchi hanno deciso di lasciare il loro habitat naturale, il mare preferendo la terraferma.

La decisione, secondo i ricercatori toscani, è stata presa per l’impossibilità di poter respirare al meglio nell’acqua perché, quest’ultima è diventata povera di ossigeno. I granchi, spostandosi sulla terraferma, hanno dovuto cambiare anche il loro modo di respirare. Secondo gli studiosi anche altre specie di anfibi molto presto potrebbero adottare la stessa scelta dei granchi di emigrare sulla terraferma.

Stefano Cannicci, autore dello studio, ha voluto commentare la sua ricerca rilasciando le seguenti dichiarazioni: “Abbiamo dimostrato per la prima volta che l’innalzarsi delle temperature delle acque oceaniche guida un processo evolutivo importante come quello della colonizzazione delle terre emerse. In un periodo come quello attuale, caratterizzato da un costante e rapido aumento della temperatura di atmosfera e oceani, una strategia evolutiva che può essere messa in atto dalle specie che vivono tra il mare e la terra è, in effetti, quella di diventare più terrestri e meno marine”.

La ricerca ha riscontrato che se la temperatura dell’acqua raggiunge gradi elevati per le specie anfibi per loro è più facile respirare sulla terraferma e quindi preferiscono emigrare. Una situazione determinata dal cambiamento del clima sulla Terra e dall’inquinamento che potrebbe provocare guai ancora maggiori nel prossimo futuro quando l’acqua dei mari e la temperatura della Terra aumenteranno entro il 2050, in media, di 3 gradi.

loading...