Varese, ticket non richiesti scoperto ammanco di 2,5 milioni di euro

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppLinkedInFlipboardCondividi

Varese-ticket-non-riscossi-nei-pronto-soccorso-buco-di-2,5-milioni di euro

Ci sono nuovi sviluppi sullo scandalo a Varese per il mancato pagamento di ticket per i codici bianchi in nove plessi ospedalieri della città lombarda.

Secondo quanto emerso sembrerebbe che non vi sono risvolti penali nella vicenda e che ci sia solo della negligenza in alcuni dirigenti delle Asl che dovevano cercare di far pagare i morosi però non si sono attivati celermente. In  particolare sembra che parte dei tantissimi morosi siano state recapitate le raccomandate di sollecito per il mancato pagamento del ticket ma poi non sono state avviate le azioni di recupero forzoso provocando la prescrizione del credito.

La guardia di Finanza ha condotto alcune accurate indagini su diversi plessi ospedalieri della provincia di Varese ed ha scoperto un ammanco di oltre 2 milioni di euro. L’ammanco scoperto dagli uomini delle fiamme gialle è dovuto al mancato pagamento del ticket al pronto soccorso di molti pazienti che arrivavano con il “codice bianco”.

Il “codice bianco” viene assegnato ai pazienti che non hanno patologie gravi e non hanno bisogno di cure urgenti. Gli uomini della guardia di finanza hanno scoperto che un paziente su tre non pagava il ticket.

L’ammanco per il mancato pagamento del ticket per le cure rese ai pazienti in “codice bianco” è stato riscontrato dalla Guardia di Finanza in 9 plessi ospedalieri di Varese e provincia. Il mancato pagamento del dovuto da parte dei pazienti ha determinato, nel corso degli anni, un enorme buco di oltre 2,5 milioni di euro.

Il ticket corrispondente per un paziente in “codice bianco” è pari a circa 25 euro e riguarda le cure a moltissime persone avvenute nell’arco di 11 anni dal 2003 al 2014.  Gli uomini della guardia di Finanza hanno provveduto a segnalare alla Procura della Repubblica 38 dipendenti dei 9 ospedali nei quali a tanti pazienti i ticket non veniva richiesto.

La guardia di Finanza ha in particolare esaminato più di 200 mila cure erogate a pazienti arrivati nei vari pronto soccorso in codice bianco ed ha appurato che quasi 70 mila cittadini non hanno pagato il ticket dovuto. Sembrerebbe che l’ammanco sia stato causato anche dalla mancata richiesta di pagamento a pazienti che effettuavano delle visite strumentali. La guardia di finanza ha segnalato i 38 dirigenti alla Procura di Milano per la loro inerzia nel richiedere i ticket dovuti. La Procura di Milano ora sta indagando sull’eventualità che la faccenda possa avere risvolti penali.