, ,

Birra, ideato imballaggio ecosostenibile che si degrada e diventa cibo per pesci

Birra, ideato imballaggio ecosostenibile che si degrada e diventa cibo per pesci

L'imballaggio delle lattine di birra biodegradabile che nutre i pesci è realtà

Anche l’imballaggio delle lattine di birre finisce in mare ed è letale per la vita di piccoli pesci e tartarughe. L’imballaggio dalla forma circolare delle birre termina la sua vita in mare, una piccola azienda americana ha pensato a tutelare l’ambiente.

L’azienda che produce birra è della Florida ed ha pensato di ideare un imballaggio per le lattine della consumatissima bevanda biodegradabili che nel mare diventano cibo per i pesci e le tartarughe.

Un’altra importante invenzione proviene dagli Stati Uniti d’America dove hanno studiato un imballaggio per le lattine di birra biodegradabile. L’imballaggio servirà a salvare dalla morte sicura tantissimi pesci e piccole tartarughe.

L’imballaggio è biodegradabile diventa nel mare un alimento per i pesci e non provoca danni al loro habitat naturale. L’invenzione si spera possa essere presto commercializzata anche in altre nazioni.

Salvare il mondo dall’inquinamento è una delle priorità di tutta l’umanità. Sono diversi i progetti che in questi ultimi mesi sono stati presentati da vari studi di ricerca. L’ultimo interessantissimo progetto è stato presentato da una piccola azienda americana che produce birra.

Il progetto prevede che l’imballaggio delle lattine di birra sia biodegradabile. Il nuovo tipo d’imballaggio sarà prodotto con gli scarti della produzione della birra quali orzo e grano.

Una grande invenzione quella di una piccola impresa della Florida negli Stati Uniti d’America che ha inventato un imballaggio biodegradabile per le lattine di birra.

L’imballaggio ha una proprietà importante per l’ambiente, se viene abbandonato in mare non inquina anzi diventa cibo per i pesci e non provoca alcun danno alla loro salute. Uno straordinario sistema di imballaggio che piace molto negli Stati Uniti d’America, attualmente una delle nazioni che più inquina al mondo perché produce diverse tonnellate di rifiuti plastici.

Se gli imballaggi delle lattine di birra finiscono in mare creano tanti problemi all’habitat. Molti sono i piccoli pesci e le tartarughe che rimangono impigliati in questi tipi di imballaggi e dopo una lunga agonia muoiono.

Gli imballaggi delle lattine di birra che sono a forma di anelli determinano danni molto rilevanti soprattutto all’habitat naturale dei mari.

Saltwater Brewery è un imprenditore che da anni produce birra artigianale in Florida ed ha deciso di ovviare al problema degli imballaggi di plastica.

Ci sono voluti mesi di studio ma Saltwater Brewery ed i suoi tecnici sono riusciti ad inventare un imballaggio biodegradabile che si crea con gli scarti della produzione di birra: orzo e grano.

L’unico grosso handicap di questi imballaggi ad anelli di plastica biodegradabili è che hanno dei costi, per il momento, maggiori rispetto a quelli dei classici imballaggi.

Il cliente acquistando la birra con l’imballaggio biodegradabile fa un sacrificio economico ma aiuta l’ambiente e non crea danni alla vita dei pesci e delle piccole tartarughe.

Le stime sui rifiuti plastici che finisco in mare sono spaventose. Secondo gli ultimi dati sono oltre 8 milioni le tonnellate di plastica che terminano il loro ciclo nell’acqua.

I ricercatori hanno riferito che 8 milioni di tonnellate sono pari ad un camion che ogni minuto riversa in mare tutto il suo contenuto.

Secondo gli ultimi dati solo tra circa 34 anni, nel 2050, le tonnellate di plastica che termineranno in mare saranno il doppio di quelle attuali e nel mare il quantitativo di plastica sarà più alto del numero dei pesci.

Uno studio molto approfondito della Fondazione Ellen MacArthur ha reso noto che solo il 5% della plastica prodotta nel mondo è attualmente riciclata.

Il 40% della plastica prodotta è riciclata mentre il 33% finisce nei mari provocando danni ingenti all’ecosistema.

Negli oceani si sono formate vere e proprie isole di rifiuti plastici che sono pari a 270 mila tonnellate. La plastica che finisce nei mari viene poi mangiata dei pesci e termina nel nostro stomaco provocando seri problemi alla nostra salute.

La plastica è certamente inquinante ed il suo smaltimento è un problema che dovrà essere affrontato e risolto nel più breve tempo possibile da tutti i paesi più industrializzati al mondo.

One Response

Comments are closed.