breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Alzheimer il rischio è più elevato se si vive al nord

L’Alzheimer è una malattia più comune tra le persone che hanno superato i 65 anni di età.

Scoperta agli inizi del 900 i ricercatori, al momento, non sono riusciti a comprendere come la patologia si sviluppa e, dunque, diventa difficile scoprire un farmaco che possa far guarire dall’ Alzheimer.

Tantissime sono le ricerche condotte in questi ultimi anni sul mordo di Alzheimer ma tutte, al momento, hanno dato scarsi risultati.

Un’interessante ricerca sul morbo di Alzheimer è stata condotta da alcuni scienziati dell’università scozzese di Edimburgo.

Gli scienziati hanno potuto constatare che le persone che vivono in posti non molto sollegiati sono sottoposte ad un rischio più elevato di essere colpite dalla terribile patologia dell’ Alzheimer.


Il team di ricercatori scozzesi ha potuto constatare che la mancanza di esposizione dell’essere umano al sole porta ad avere livelli di vitamina D nel corpo molto bassi.

La vitamina D, che si riproduce nell’organismo umano grazie anche all’esposizione ai raggi del sole, riesce a difendere l’uomo dall’insorgenza del morbo di Alzheimer.

Una minore presenza, nel nostro organismo, di vitamina D può determinare l’insorgenza di gravi patologie tra le quali il morbo di Alzheimer.

I ricercatori scozzesi hanno potuto appurare che le persone che vivono più a nord e hanno meno possibilità di esporsi al sole hanno un rischio di essere colpiti dall’ Alzheimer tre volte superiore rispetto a chi abita la sud.

I risultati della ricerca degli studiosi scozzesi è stata pubblicata sul tabloid inglese Daily Mail.

I ricercatori hanno verificato, consultando le cartelle cliniche di pazienti colpiti dal morbo di Alzheimer, che ad essere maggiormente colpite sono le persone che hanno abitato più a nord del paese.

Il morbo di Alzheimer si combatte cercando di tenere allenata la mente e il corpo continuando anche quando non si è più giovani ma anche praticando attività sportiva.

Importantissima è anche l’alimentazione, un sano e corretto stile di vita consente di essere meno esposti a patologie gravi come il morbo di Alzheimer.

L’ Alzheimer è una malattia che distruggere nel paziente pian piano i suoi ricordi e, che negli ultimi stadi della malattia, porta a non riconoscere le persone più care.