breaking-news, Italia

Isis su Twitter minacce all’Italia “Stiamo arrivando a Roma”

Isis-su-Twitter-minacce-all-Italia-“Stiamo-arrivando-a-Roma”

Il nuovo obiettivo dei terroristi islamici dell’Isis è Roma.

Gli jihadisti hanno postato due foto molto eloquenti su Twitter nelle quali mostrano l’immagine del Colosseo, uno dei monumenti simbolo della capitale italiana, che porta la bandiera nera dell’Isis.

Il commento delle foto  da parte dei Jihadisti è stato molto eloquente: “Stiamo arrivando a Roma, con le mani sul grilletto”.

Gli uomini dell’Isis sono alle porte dell’Italia avendo conquistato la città di Sirte in Libia, importante porto strategico sul mar Mediterraneo che dista solo 1.250 chilometri da Roma.

Fino a qualche giorno fa le intimidazioni dell’Isis riguardavano lo stato del Vaticano e, in particolare, il Papa simbolo della religione cattolica.

Gli uomini dell’Isis hanno minacciato di interrompere le forniture di gas che arrivano dalla Libia in Italia dal gasdotto Greestream.

Un’ eventuale interruzione delle forniture metterebbe nei guai l’Italia che proprio dal gas trasportato dal gasdotto libico riesce a coprire gran parte del fabbisogno del paese.

L’allarme in Italia è altissimo e, il pericolo che possa esserci un attacco dei terroristi islamici al nostro paese, è reale.


I servizi segreti italiani stanno lavorando incessantemente per cercare di comprendere se nel nostro paese vi siano delle cellule del terrorismo islamico pronte a compiere attentati.

Gli investigatori stanno indagando anche sulla veridicità dei messaggi postati contro l’Italia su Twitter.

L’ultimo commento postato dagli jihadisti su Twitter è stato il seguente: “Le onde ancora ci separano, ma questo è un mare piccolo, è una promessa al nostro Profeta. State attenti, ogni stupido passo vi costerà caro. Ogni stupido passo incendierà tutto il Mediterraneo”.

La paura in Italia aumenta e il ministro degli esteri Gentiloni ha dichiarato che: “Non dobbiamo descrivere una Libia totalmente in mano al terrorismo e all’Isis, non è questa la realtà. Certo la situazione si sta aggravando, per questo il tempo stringe”.