Bari & Dintorni

Albergatrice lascia in eredità 4 milioni di euro ai cani randagi

Un testamento che potrebbe salvare tanti amici a quattro zampe quello di Franca Franzi, albergatrice di Jesolo. La donna – morta a 81 anni nel maggio 2016 – ha lasciato in eredità alcuni milioni di euro al canile di San Giuliano, a Mestre, una struttura che ospita i cani randagi della zona e che rischia la chiusura. La somma donata da Franzi potrebbe salvare il canile ed evitare il trasferimento degli animali.

Nel testamento la donna – proprietaria di tre hotel nel centro balneare di Jesolo – ha disposto due lasciti in denaro. Il primo – pari a un quarto del valore della struttura a 4 stelle “Ai Cavalieri” – è destinato al canile San Giuliano, mentre il secondo al Comune di Jesolo (per contribuire al 50% alla costruzione di un nuovo canile). In totale, la cifra si aggirerebbe intorno ai quattro milioni di euro. Un amore smisurato per gli amici a quattro zampe quello di Franca.

A rendere nota la vicenda è stata Silvana Tosi, consigliera della Lega Nord, che da due anni si batte contro la chiusura della struttura. Tosi ha inviato una lettera al sindaco di Venezia, chiedendogli il rinvio dell’abbattimento del canile. Abbattimento che, tra l’altro, comporterebbe la perdita dell’eredità, perché il lascito si riferisce in modo chiaro al San Giuliano. Il testamento, quindi, potrebbe essere l’ultima speranza per i piccoli amici a quattro zampe del rifugio.