Bari & Dintorni

Non ha più lavori, imprenditore edile si impicca in un casolare

Un imprenditore edile si è tolto la vita impiccandosi in un casolare nelle colline di Tavernelle. L’uomo, un cinquantenne sposato e senza figli, si è suicidato in un casolare. Il dramma si è consumato lunedì pomeriggio – il 6 novembre – dopo pranzo.

L’uomo è uscito di casa e ha fatto perdere le proprie tracce. Dopo una serie di telefonate senza risposta, la moglie, verso sera, ha sporto denuncia della scomparsa ai Carabinieri.

Il corpo dell’uomo è stato ritrovato ieri mattina senza vita in un casolare a Tavernelle. A quanto pare il motivo del gesto sarebbe riconducibile all’andamento della sua attività.

L’uomo, infatti, era il titolare di una piccola impresa di costruzioni ma il suo giro d’affari da tempo aveva preso una brutta china, causando nell’animo dell’uomo una preoccupazione sempre maggiore.

Sua moglie si era accorta di questo crollo dell’umore e quando ieri non ha visto il marito rientrare in casa, non ha esitato e ha dato l’allarme rivolgendosi in serata ai carabinieri di Mombaroccio.