Donna obesa schiaccia un’altra donna su uno scivolo dell’acquaparck provocandole gravi lesioni interne, spaccandole il fegato e provocandole gravi emorragie

0
48

Era in vacanza in un parco acquatico di un hotel in Turchia, quando un’altra turista si è schiantata contro di lei su uno scivolo d’acqua, spaccandole il fegato e schiacciandole gli organi interni ha sofferto di emorragie interne e gravi danni renali per i quali si è reso necessario un intervento chirurgico salvavita.

La donna è rimasta ricoverata in ospedale per otto giorni prima di tornare a casa sua nell’East Sussex. Jemma, che era alla sua prima vacanza in quattro anni, ora ha intenzione di citare in giudizio l’agenzia di viaggi Thomas Cook affermando che non sarebbero state prese precauzioni di sicurezza presso l’hotel.

“Sono stata in Turchia solo per 14 ore quando abbiamo deciso di andare al parco acquatico dell’hotel.

Non c’era nessuno che controllasse l’accesso agli scivoli. Mia figlia avrebbe dovuto seguirmi, ma invece una donna sovrappeso è scesa poco dopo di me. Avevo raggiunto il fondo dello scivolo ma tutto ciò che ho visto prima di perdere i sensi sono stati questi due piedi che venivano verso di me, sapevo che non avevo possibilità di muovermi in tempo” ricorda Jemma.

“Mi ero spaccata il fegato e gravemente danneggiato l’unico rene rimasto, il che era terrificante dato che avevo donato l’altra a mia mamma. Thomas Cook non è stata affatto d’aiuto. Non si sono preoccuparmi di scoprire dove ero, dove erano i miei figli e sono stata abbandonato successivamente per le cure” dice la donna. Jemma sostiene che l’agenzia avrebbe spiegato che l’assicurazione non copriva le cure ospedaliere dal momento che era stata portata in un ospedale privato. “

Avevo solo £ 150 con me perché avevamo pagato già per tutto il resto in albergo, ma mi sono trovata ad aver bisogno di £ 5.000 per avere un intervento chirurgico salvavita. Il mio amico Bill, per fortuna, è stato in grado di pagare. Se i miei amici non fossero stati lì, sarei morta ei miei figli sarebbero rimasti in Turchia da soli” spiega.