19 enne scopre di essere malata di leucemia, interrompe le cure per far nascere il figlio, muoiono entrambi

0
114

Aveva scelto di posticipare la cura contro quel male che l’aveva colpita per fare in modo che il suo bambino venisse al mondo.

Ma Brianna Rawlings, una ragazza australiana di appena 19 anni, ha perso la sua lotta contro il cancro: è morta il 29 dicembre scorso sconfitta dalla leucemia a cellule NK, una forma di malattia del sangue rara e aggressiva. La giovane di Colyton, un sobborgo di Sydney, era alla 17 settimane di gravidanza quando le fu diagnosticato il tumore.

Si è così trovata di fronte ad una scelta: interrompere la gravidanza e iniziare le cure, oppure aspettare che il piccolo venisse al mondo ritardando il trattamento-salva vita e dimezzando di fatto le proprie possibilità di sopravvivenza. Brianna ha messo la vita del figlioletto che portava in grembo davanti a tutto. Purtroppo, ha contratto un’infezione che avrebbe potuto essere trasmessa al bambino, forzando un cesareo d’emergenza tre mesi prima del termine. Kayden è riuscito ad aggrapparsi alla vita per 12 giorni, prima di morire. La giovane madre, devastata, ha continuato combattere.

“È stato molto duro, lungo, estenuante e doloroso. Anche se Kyden non è più con noi, mi ha dato la forza per andare avanti e sconfiggere questo male”, aveva detto Brianna a FEMAIL. “Ero molto felice ed entusiasta di essere una madre – tutto ciò che avrei mai voluto era avere famiglia. Quei 12 giorni che ho potuto trascorrere con il mio bambino Kyden, tenendolo in braccio, contando le dita dei piedi e delle manine, parlando con lui come avrei fatto quando era nella mia pancia. Erano così speciali, sono stati i migliori 12 giorni della mia vita!” erano state le commoventi parole della mamma. “Voglio sconfiggere questa orribile malattia. Credo di poterlo fare e ho fatto una promessa a mio figlio “, aveva detto.

Ma le sue condizioni sono peggiorate e un potenziale trapianto di midollo osseo da parte di suo fratello è stato escluso dai medici. È stata quindi presentata a una sperimentazione di farmaci che avrebbe potuto salvarle la vita, al costo di $ 3000 ogni tre settimane. La sua famiglia ha iniziato la raccolta di fondi per coprire il costo del trattamento, ma dopo due cicli Emma ha ceduto alla malattia. “Non trovo neanche le parole … Non riesco a pensare senza piangere”, ha detto sua sorella Kourt a Yahoo7. “Famiglia e amici, un modo così tragico per finire il 2018 per noi. Stai vicino ai tuoi cari e non smettere mai di esprimere il tuo amore per loro” ha aggiunto la donna.