Mamma, papà e figlia di 19 mesi fatti scendere di corsa dall’aereo, motivo puzzavano troppo

0
168

Ci hanno portati via, hanno chiuso il gate e ci hanno detto: Ci spiace, ma alcune persone si sono lamentate del vostro odore”, è ancora sotto choc Yossi Adler, padre di famiglia, intervistato dalla tv locale, mentre racconta la disavventura vissuta dalla sua famiglia su un volo della American Airlines diretto a Miami.

L’uomo, sua moglie Jennie e la loro figlia di 19 mesi sono stati costretti a scendere dall’aereo “perché puzzavano”. Yossi Adler ha dichiarato all’emittente della Florida, Local 10, che la sua famiglia “non ha un forte odore corporeo” e che pretende di sapere “se c’è un’altra ragione per cui siamo stati cacciati” .

 Oltre al danno, anche la beffa dei bagagli: i dipendenti della compagnia americano hanno infatti detto alla famiglia Adler che le loro valigie sarebbero state tirate fuori dalla stiva e restituite ai passeggeri, ma questo non è successo e Yossi, moglie e figlia sono rimasti non solo senza i loro abiti di ricambio, ma anche senza il passeggino della bimba e il seggiolino.

L’American Airlines in un comunicato ufficiale ha confermato che i passeggeri sono stati fatti scendere perché alcune persone si erano lamentate del loro odore: “Sono stati sistemati in un hotel per la notte e abbiamo fornito loro dei buoni pasto, giovedì mattina hanno preso un altro volo cercando di non ripetere lo stesso incidente”.

L’uomo però non ci sta: “Abbiamo fermato diverse persone in aeroporto, chiedendo “secondo te abbiamo un cattivo odore?’”. Yossi Adler accusa la compagnia aerea di aver costretto la sua famiglia a scendere “perché siamo ebrei”, secondo quanto riportato da NBC News. “Voglio che siano responsabili di ciò che è realmente accaduto e mi dicano la verità”, ha detto. American Airlines è autorizzata a rimuovere passeggeri da un volo se hanno “un odore offensivo non causato da disabilità o malattia”, secondo il manuale dell’azienda.