34enne Si sucida lanciandosi da un ponte con il figlio di 10 anni, era minacciata dai strozzini, pubblicata la straziante lettera lasciata alla madre

0
211

Un suicidio che ha lasciato senza parole quella di una giovane madre che si è lanciata da un ponte alto 100 metri con in braccio il figlio di 10 anni.

Il suicidio è avvenuto sul ponte La Variante nella comunità di Ibague nel dipartimento colombiano centro-occidentale di Tolima.

La donna ha lasciato un biglietto nel quale ha spiegato il perché della tragica decisione. La donna era stata minacciata dagli strozzini.

La donna, aveva trentadue anni e si chiamava Jessy Paola Moreno Cruz, il figlio si chiamava May Ceballos, per lunghi interminabili minuti la donna era su una balaustra e i soccorritori hanno fatto di tutto per farla desistere dal suo intento.

Poi il salto lungo 100 metri e il ritrovamento dei due corpi senza vita ancora abbracciati.

La donna era stata sfrattata dalla casa  sua e ha avuto bisogno di prendere in prestito denaro e lo ha potuto fare solo  da pericolosi strozzini con enormi rimborsi di interessi tra il 20 e il 40 percento.

Gli strozzini avevano preteso il rimborso e avevano iniziato a minacciare la madre, solo in quel momento Jessy Paola ha deciso di compiere l’estremo gesto.

Jessy ha lasciato la seguente lettera all’amata madre:  “Non posso tollerare l’idea che qualcuno possa ferirti a causa di quello che ho fatto, preferisco che noi andiamo via e dimentichiamo questo mondo. Non ho speranza, sono stata sconfitta e umiliata. L’uomo che mi ha detto di amarmi mi ha lasciato sola, molto sola.

“Mi hanno lasciato senza niente, tutto ciò per cui ho lavorato, tutto ciò per cui ho vissuto, tutto ciò che ho amato, tutto quello che ho dato, è stato strappato via in un istante. Il mio errore è stato quello di fidarsi delle persone sbagliate. Ho fallito alla persona che amo di più nella mia vita, non posso permettermi di pagare per i suoi studi, non ho nemmeno abbastanza soldi per dargli il cibo caldo. L’ho messo in pericolo e mi dispiace”

“Ogni giorno è più difficile e pieno di minacce, debiti e mancanza di amore. Non posso farlo più”.

“Mi verrà detto che sono un vigliacca, ma solo Dio conosce l’angoscia di essere terrorizzata dal fatto che qualcuno ti farà del male a causa mia. Se solo qualcuno potesse aiutarmi, ma chi può prestarmi i soldi o anche una casa? “

“Non c’è nessuno. Il mondo è pericoloso e non posso proteggerti.  Ogni giorno è grigio. Il mio cuore batte di ansia. Piango con frustrazione e impotenza. Sono una perdente. Questa volta non ti deluderò, figlio mio. Nessuno ci farà più male “.

I due corpi sono stati recuperati dal fiume poi si sono svolti i loro funerali a cui hanno partecipato i loro cari e molti residenti locali.

Loading...
Загрузка...