Donna compie 97 anni e svela il segreto della sua longevità, beve 96 birre al giorno

0
152

La nonnina quasi centenaria e amante delle buone birre belghe è molto conosciuta nella zona: tutte le sere si siede nel suo bar preferito e consuma più che il cliente medio.

“Quindici Jupiler durante le serate più tranquille, ma più di venti quando è in forma“, ha detto dichiarato il gestore. “Fanny fammi fare un altro giro!“, ha scherzato la vecchietta sorridendo col capo dello stabilimento Robertine Houbrechts indicando il bicchiere vuoto.

“Finché ho questo, posso andare avanti”, scherza la novantenne che ha celebrato la sua 97esima primavera, martedì al popolare caffè Floreal in Muizen. Un compleanno innaffiato chiaramente con tanta birra da far sbiancare anche i bevitori più accaniti.

AB InBev, azienda di birra belga, ha regalato un barile da 20 litri a colei considerata probabilmente il miglior cliente della società nel regno.

Robertine regge davvero bene l’alcol,” riconosce Fanny Waegemans gestore del bar. “Durante una serata normale lei beve fino a 15 “flûtes” (tipici bicchieri da birra della zona n.d.r.), ma se l’atmosfera è calda, si può salire fino a 22. Beve solo Jupiler. Null’altro.”

Sono passati 18 anni da quando è stato aperto quel locale e i clienti più vecchi e più anziani del Floreal hanno trascorso tutti i giorni. E molti sono ormai passati a miglior vita. “Ogni pomeriggio fino a sera, per circa otto ore, la troverete qui. La nostra visita al giorno per il caffè porta una certa routine“, dice Felix Leemans, suo figlio.

“Mamma conosce tutti qui e tutti la conoscono. Questi sono i suoi amici. Solo il Mercoledì non viene, ma solo perché è chiuso il locale. Così lei rimane a casa a guardare la TV.” Ma il consumo di alcol non è pericoloso per una persona anziana? La resistenza di Robertine sembra dimostrare proprio il contrario. “Mi fa sentire bene.

Il dottore ha detto che posso continuare a venire al bar e bere. Ha detto che non può farmi male ormai” ridendo. “In effetti è vero che io bevo birra da tanto tempo, e ho visto che è un buon farmaco!“, dice con orgoglio. Negli ultimi quattro anni Fanny ha visto mancare all’appello Robertine solo due volte. “Una volta, ho temuto il peggio. Ma due giorni dopo l’ho vista seduta al suo tavolo preferito vicino alla finestra.

Con il suo flûte, ovviamente. Ovviamente a volte è ubriaca , ma questo succede solo in tarda serata. Una breve telefonata al figlio e viene a riprendere la signora”. Al Floreal non vedono l’ora di festeggiare Robertine: ora si puntiamo ai 100 anni, perché ci sarà la vera e propria festa della Jupiler.

Loading...