Bari & Dintorni

A 84 anni si diverte a fare feste con giovani e bellissime donne, i vicini lo denunciano per molestie, per il giudice fa bene

Un signore di oltre 80 anni, si divertiva a organizzare festini con donne giovani e bellissime. La vicenda è avvenuta a Verona. Si tratta della città romantica per eccellenza e che tutti associano a Romeo e Giulietta, ma stavolta c’è stato poco spazio per i sentimenti.

La cronaca locale non si è sbizzarrita molto con i particolari della storia, ma quelli a disposizione bastano e avanzano per raccontare una notizia memorabile. Tutto è iniziato dopo la denuncia da parte di una famiglia rimasta anonima. La convivenza con i vicini di casa non è mai semplice e in questo caso le cose sono peggiori di quello che si potrebbe pensare.

Come già anticipato, la ricostruzione dei fatti riguarda un anziano di 84 anni che avrebbe fatto baldoria come se ne avesse avuti sessanta in meno.

 Secondo il racconto dei vicini, infatti, questo arzillo vecchino avrebbe battuto il bastone più volte sul soffitto e avrebbe usato un linguaggio volgare.

Il racconto dei vicini non sembra lasciare spazio ad alcun dubbio, ma l’anziano ha deciso di difendere la sua reputazione.

In realtà l’avvocatessa del signore ne ha parlato in un modo completamente diverso. Il suo assistito è stato descritto in tutto e per tutto come un pensionato che ha superato abbondantemente gli 80 anni. Ecco quello che è emerso nei primi dibattiti in aula per venire a capo di questa storia che ha incuriosito tutti i veronesi e non solo.

L’84enne amante dei festini è finito in aula per colpa delle accuse di una famiglia e il suo legale ne ha parlato come di un uomo con gravi problemi di salute e la manifesta incapacità di camminare. L’anziano ha bisogno costantemente del bastone e da tre anni avrebbe bisogno persino di una bombola portatile per respirare meglio.

Il Gup ha assolto l’anziano e quindi non ha creduto alla storia dei festini hard e a tutto il resto. L’assoluzione è avvenuta con formula piena, dato che per il giudice il fatto non sussiste.