Bari & Dintorni

Compra un costoso iPhone su internet ma gli arrivano 3 succhi di frutta alla pesca

Beffa per un ragazzo dello Zen che ha ordinato un iPhone da circa 500 euro su internet ricevendo però a casa un pacco con tre succhi di frutta alla pesca. Di casi analoghi al suo, a Palermo, ne sarebbero accaduti più di una dozzina.

La giovane vittima comunque non si è arresa ed è stata capace di incastrare il suo truffatore. Il ragazzo ha infatti teso una trappola al maldestro ‘venditore’ che ieri è stato bloccato dai carabinieri, portato in caserma e denunciato a piede libero (ma ci sarebbe anche un complice).

Tutto inizia quando il giovane dello Zen ha deciso di comprare un iPhone per regalarlo ad un amico. Cercando su Facebook aveva trovato un annuncio interessante sulla pagina di tale “Cristian Teckoffer”. I due avevano parlato tramite Whatsapp e concordato il prezzo per il telefonino: 129 euro di acconto più il pagamento per 30 mesi di bollettini postali da 10 euro. L’11 gennaio a casa dell’acquirente era arrivato tramite corriere il pacco: all’apertura, l’amara sorpresa, tre succhi di frutta invece del telefono.

Decisiva anche la tenacia della fidanzata della vittima che ha cercato il profilo del venditore su Facebook per poi chiedergli l’amicizia. Lui ha abboccato ed è così iniziata una serie di scambi in cui la ragazza ha finto di aver già visto il suo interlocutore. Il venditore si è lasciato irretire, credendo che lei ci stesse “provando”. Poi il primo appuntamento e l’arrivo a sorpresa dei carabinieri.