Bari & Dintorni

Giovane coppia per divertimento attacca il figlio di 22 mesi al muro con lo scotch e lo fotografano divertiti mentre lui piange disperato

Un bambino di soli 22 mesi ha vissuto degli attimi di terrore che forse per il trauma subito non dimenticherà mai.

Il piccolo di 22 mesi è stato attaccato al muro con un nastro adesivo dai propri genitori vicino a una presa elettrica.

Mentre il bimbo piangeva per paura, i suoi giovani genitori ridevano a crepapelle. I due genitori, Cordea Honea di 19 anni e la compagna Jayla Hamm di 18 anni erano andati a una festa lasciando il figlio alla loro baby sitter.

Al ritorno a casa il padre ha iniziato a torturare il figlio. In un primo momento attaccando al muro il biberon del piccolo mentre la compagna si divertiva a fotografare il figlio che piangeva disperato.

Poi il padre ha iniziato a attaccare al muro prima le mani del piccolo poi tutto il suo corpo mentre sempre la moglie divertita continuava a scattare le foto.

Il fatto è successo a Washinton negli Stati Uniti d’America. La polizia è venuta a conoscenza delle atrocità della giovane coppia nei confronti del figlio tramite un amico dei due al quale erano state mostrate le foto scattate dalla donna.

La giovane coppia è stata arrestata e il piccolo è stato affidato agli assistenti sociali.