breaking-news, Italia, Sport & Tecnologia

Salerno, mistero su post scritto prima dell’uccisione della moglie

Salerno-mistero-su-post-scritto-prima-dell-uccisione-della-moglie

A Postiglione, in provincia di Salerno, ieri Cosimo Pagnani, un uomo di 32 anni, ha ucciso con un numero imprecisato di coltellate l’ex moglie, Maria D’Antonio di 34 anni.

Gli inquirenti stanno indagando sui motivi che hanno spinto alla brutale uccisione e sembra che ultimamente i litigi tra i due fossero continui.

L’uomo durante, la colluttazione con l’ex moglie, ha riportato delle contusioni al ginocchio ed è al momento in cura presso un plesso ospedaliero del salernitano sotto stretto controllo dei carabinieri.

Prima del tragico evento sulla pagina di Facebook di Cosimo Pagnani è apparsa una scritta “Sei morta t….” che ha ricevuto molte condivisioni e 300 mi piace.


La procura di Salerno sta indagando anche su questo increscioso episodio ed ha provveduto ad oscurare la pagina Facebook di Cosimo Pagnani.

Gli investigatori non sono sicuri che il commento apparso su Facebook sia stato scritto dallo stesso Cosimo Pagnani .

La procura di Salerno ha appurato che il commento su Facebook è stato scritto prima dell’uccisione che avvenuta intorno alle ore 19,00 presso l’abitazione della moglie a Postiglione in paesino vicinissimo Salerno.

L’uomo, dopo il delitto, si è rinchiuso nell’abitazione della donna ed i carabinieri per arrestarlo hanno dovuto sfondare la porta di ingresso dell’abitazione.

A chiamare le forze dell’ordine sono stati il padre e il fratello della povera donna uccisa che si sono allarmati per le grida che provenivano dall’abitazione di Maria D’Antonio.

Dal matrimonio di Maria d’Antonio e Cosimo Pagnani è nata una bambina che ora ha quattro anni e che viveva nello stesso appartamento della madre.

Quando la coppia ha iniziato a litigare la bambina è stata accompagnata dal padre nella casa dei nonni, poco distante dall’abitazione di Maria D’Antonio.