breaking-news, Italia

Svezia arrestata donna che da 10 anni teneva segregate tre figlie

Svezia-arrestata-donna-che-da-10-anni-teneva-segregate-tre-figlie

L’amore più grande ed indissolubile che possa esistere è quello tra una madre e i propri figli.

Quella che però stiamo per raccontare è una storia incredibile avvenuta in Svezia, uno deI paesi più evoluti culturalmente del mondo.

Una madre ha segregato per dieci lunghi anni le proprie figlie.

Le tre giovani donne, di un’età compresa tra i 23 e 32 anni, sono state costrette dalla madre, una donna di 59 anni, a vivere rinchiuse un piccolo appartamento per 10 anni.

La madre e le tre figlie rispettivamente di 23,24 e 32 anni si erano da poco trasferite a  Bromolla, una cittadina svedese di 8 mila abitanti che si affaccia sul Mar Baltico.

La donna, per cercare di far perdere le sue tracce, in questi dieci anni di lunga prigionia, si spostava spesso vivendo con le sue povere figlie in diverse città svedesi.

La donna segregava le tre ragazze perché  non voleva far incontrare il padre con le sue tre figlie.

Le tre giovani ragazze per dieci anni hanno dormito su materassi oramai inutilizzabili per l’usura, senza avere la possibilità di vedere la televisione e senza poter mai uscire.


La polizia locale ha scoperto  che la donna teneva segregata le sue tre figlie in seguito ad una telefonata anonima, probabilmente di una vicina di casa, che ha avvisato le forze dell’ordine che in quella piccola abitazione c’era qualcosa che non andava.

La donna quando ha visto la polizia arrivare ha cercato la fuga ma è stata subito bloccata dalle forze dell’ordine che hanno impedito che si dileguasse.

Le tre ragazze sono state liberate ed hanno potuto riscoprire la gioia di poter stare a contatto con il mondo esterno.

La Polizia della piccola cittadina svedese di Bromolla sta indagando se vi siano altri motivi che hanno spinto la donna ha tenere segregate per dieci anni le tre giovani figlie.

Le forze dell’ordine hanno riferito che hanno iniziato ad indagare sulla donna subito dopo che al centralino del comando è arrivata una telefonata anonima di una donna che diceva che in una casa vicina vi erano tre ragazze costrette dalla loro madre a non uscire mai di casa.

Il padre delle tre ragazze segregate dalla madre da un portale online svedese è stato rintracciato ed ha dichiarato che da 17 anni era alla ricerche delle figlie.