breaking-news, Italia

Israele, per la cantante Noa minacce verbali Tel Aviv

Israele- per-la-cantante-Noa-minacce-verbali-Tel-Aviv

La famosa cantate Noa è tornata in Israele dopo una tournèe che l’ha vista impegnata in diverse città italiane, ultime delle quali Matera e Taranto.

Ma all’aeroporto di Tel Aviv non è stata accolta come avrebbe voluto.

Alcuni israeliani presenti nell’aeroporto hanno insultato pesantemente la cantante apostrofandola con delle frasi tipo “Nemica di Israele. Ti tratteremo come Yehonatan Geffen”.

Una situazione inaspettata quella a cui ha dovuto far fronte la celebre cantante israeliana che, sulla sua pagina Facebook, ha definito da incubo.

La cantante si era espressa contro la rielezione di Benjamin Netanyahu a capo del governo israeliano.

L’elezioni che si sono svolte recentemente in Israele hanno decretato la vittoria di Benjamin Netanyahu.

Un gruppo di israeliani  filo governativi ha atteso l’arrivo della cantante all’aeroporto internazione di Tel Aviv e la ha duramente attaccata verbalmente.

L’attacco ricevuto dalla celebre cantante è avvenuto subito dopo l’aggressione ad un altro celebre personaggio israeliano anche lui schieratosi contro la politica di Benjamin Netanyahu, lo scrittore Yehonatan Gefen.

Lo scrittore qualche settimana fa è stato picchiato ed insultato da un gruppo di israeliani.


La  cantate Noa sui social e durante qualche intervista si era spesso dichiarata contraria alla politica di Benjamin Netanyahu per la tolleranza zero contro la popolazione palestinese.

Benjamin Netanyahu solo qualche giorno fa aveva vinto l’elezioni in Israele conquistando con il suo partito la maggioranza con trenta seggi e subito promettendo al suo popolo maggiore sicurezza.

La nota cantane israeliana dovette nel 2014 rinunciare ad esibirsi in un concerto al teatro Manzoni di Milano perchè alcune associazioni di donne ebraiche in Italia era contrarie alle sue idee politiche.

Noa subito dopo l’aggressione ha detto che si attende che il premier Benjamin Netanyahu prenda una posizione ed esprima sull’accaduto una dura condanna.