breaking-news, Italia

“Nessuno tocchi Milano”, in migliaia sfilano contro black bloc

“Nessuno-tocchi-Milano”-in-migliaia-sfilano-contro-black-bloc

C’è sempre una parte buna che si contrappone ad una cattiva.

E’ la vita che va  così, è il mondo che va così.

Questa volta a darne l’esempio sono stati gli avvenimenti di Milano.

Tutto pronto per l’Expo, grande festa , grande orgoglio italiano di esserci riusciti e di esserci riusciti nei tempi previsti.

Contro tante previsioni negative, contro tanti disfattisti.

Ma alla fine non è andata esattamente tutto all’insegna della festa, come, tra l’altro, ce lo si poteva e ce lo si doveva anche aspettare.

E così, se da una parte c’è stata la festa di inaugurazione dall’altra parte di Milano c’è stata la devastazione.

Ma la parte brutta, quella della devastazione , per fortuna, è durata poco.

Infatti, dopo poche ore, Milano si è rimessa in piedi e ha reagito.

E’ partito, così, un corteo, una manifestazione che ha coinvolto tantissimi milanesi, la parte buona della città che ha voluto far sentire la propria voce e ha detto “noi non ci stiamo, noi non ci arrendiamo” e così con in mano secchi, vernici e stracci ha ripulito la città.

L’AMSA ha provveduto a garantire i mezzi per pulire la città e i milanesi si sono dati da fare.

Contro i black bloc, con Milano.

Tante le voci che si sono levate dal coro, una fra tutte il grandissimo e bravissimo Roberto Vecchioni che ha voluto dire la sua:

«La violenza non è giustificabile in alcun modo, quello che hanno fatto a Milano è come una coltellata a un innocente».

Il Sindaco Pisapia, fiero della sua città e dei suoi cittadini ha dichiarato:

«Grazie a tutti questa è la festa della Milano che unisce, che reagisce, che dice no a ogni sopruso e violenza … È una piazza bellissima per dire no a chi tenta con la violenza a ognuno di esprimere le proprie idee, Milano con Expo sarà al centro del mondo per sei mesi e noi siamo orgogliosi e vogliamo dire che la città nessuno la deve toccare perché altrimenti si ribella. Stamattina il presidente della Repubblica Sergio Mattarella mi ha telefonato per dire a me, e a voi cittadini, che è entusiasta della risposta che Milano ha dato, il presidente mi ha anche detto che dobbiamo essere orgogliosi e dare l’esempio a tutto il Paese».