Loading...

Russia costringe a chiudere Wikipedia per un articolo sull’hashish

0
232
Russia-costringe-a-chiudere-Wikipedia-per-un-articolo-su-l-hashish

Russia-costringe-a-chiudere-Wikipedia-per-un-articolo-su-l-hashishUna disputa tra governo Russo e Wikipedia che ha determinato per parecchie ore che il famoso sito è stato oscurato.

L’oggetto della diatriba tra le autorità russe e Wikipedia era un articolo sul Chares, un tipo di droga che è bandito in Russia.

Il tribunale di Astrakan, una delle più importanti città russe con oltre 500 mila abitanti, aveva ordinato che la pagina di Wikipedia contente informazioni sul Chares fosse eliminata.

In seguito alla sentenza dell’importante tribunale russo, il Roskomnadzor, l’agenzia Russa per l’informazione, aveva chiesto ai dirigenti di Wikipedia di eliminare subito la pubblicazione incriminata.

La sentenza del tribunale di Astrakan risale a giugno scorso e il Roskomnadozr ha chiesto la rimozione dell’articolo qualche settimana fa.

I dirigenti di Wikipedia hanno risposto che non era possibile cancellare solo una pubblicazione perché avrebbe significato oscurare il sito.

Wikipedia per ottemperare alla decisione del Roskomnadozr ha oscurato il suo sito.

Subito dopo che il sito di Wikipedia non era più raggiungibile sono arrivate numerose proteste da parte degli utenti russi per far ripristinare al più presto la più grande enciclopedia online.

Dopo ore di trattative il Roskomnadozr e i dirigenti di Wikkipedia sono arrivati ad un compromesso.

A comunicare che si era raggiunto un accordo è stato lo stesso Roskomnadozr con un comunicato ufficiale sul proprio sito: ”La decisione del tribunale Cernoiarski della regione di Astrakan nei confronti di Wikipedia è stata eseguita. Le informazioni definite dal tribunale vietate sono state ‘L’articolo sulla sostanza stupefacente charas attualmente presente su Wikipedia, secondo la conclusione della perizia fatta dal servizio antidroga russo, non viola le norme della legislazione. Il riferimento indicato nella decisione del tribunale è stato tolto dal registro unico delle informazioni vietate”.

Loading...