Loading...

Salvini, sono pronto ad ospitare a casa un profugo ma ho un bilocale

0
192
Salvini-si-a-Sallusti-candidato-sindaco-di-Milano-e-alla-Meloni-a-Roma

Salvini-sono-pronto-ad-ospitare-a-casa-un-profugo-ma-ho-un-bilocale

Un Salvini come al solito molto loquace e diretto quello che ha partecipato alla trasmissione Agorà su Rai Tre.

Il leader della Lega Nord ha detto la sua su parecchi argomenti molto discussi in quest’ultimo periodo.

Il leader della Lega Nord ha risposto ad alcune domande anche sugli immigrati.

Matteo Salvini è stato chiarissimo affermando che, se un immigrato bussasse alla sua porta, non avrebbe problemi ad ospitarlo.

L’unica difficoltà è che il leader del Carroccio è proprietario solo di un appartamento piccolissimo, un bilocale.

Matteo Salvini, inoltre, ha chiarito che il problema degli immigrati non si risolve ospitando a casa i profughi.

Secondo il leader della Lega bisogna scindere il vero profugo che scappa dalla sua nazione perché c’è una guerra in corso da chi nel proprio paese non ha nessuna guerra ed entra nel territorio italiano clandestinamente.

Matteo Salvini, inoltre, ha affermato che ospiterebbe nel suo locale un profugo siriano che proviene da un territorio dove vi è la guerra ma non un bengalese che è clandestino perché nella sua nazione non c’è lavoro.

Il leader del Carroccio ha anche detto che i profughi ai quali bisogna prestare più attenzioni sono i minori anche se, secondo Salvini “in giro per le nostre città vedo più che altro tutte persone grandi e ben piazzate”.

Salvini è tornato a parlare anche della foto del piccolo bambino siriano di soli tre anni morto annegato: “Di foto se ne sono viste tante e se ne sono viste di tutti i colori. Ho una figlia di tre anni e la cosa non mi ha lasciato insensibile. Ma mi ha fatto imbestialire Renzi, con un modo di fare infame ha utilizzato l’immagine di un bambino che scappava dalla guerra nel suo paese per fare propaganda politica. Ci doveva arrivare Putin per dire che bisogna mandare l’esercito in Siria ad intervenire”.

Loading...