breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Tumore se si ammala un gemello anche l’altro è a rischio

Tumore-se-si-ammala-un-gemello-anche-l-altro-è-a-rischio

Si è sempre pensato che tra gemelli ci fosse un legale incredibile che si potessero anche provare gli stessi sentimenti e si avessero gli stessi gusti.

Mai vi era stato uno studio per comprendere sei gemelli avessero anche la possibilità di essere colpiti dalla stessa malattia. Uno studio condotto in Nord Europa ha potuto appurare che vi è un’alta probabilità che due gemelli possano essere colpiti dallo stesso tipo di tumore.

Sono tante le ricerche fatte nel mondo della medicina e della scienza sui gemelli e sulla possibilità che possano soffrire delle stesse malattie. L’ultima ricerca sulla possibilità che un gemello si ammali della stessa malattia dell’altro fratello è stata fatta da alcuni ricercatori del Nord Europa. Lo studio è stato condotto da ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health, importante università della Danimarca e dall’Università di Helsinki in Finlandia.

La ricerca aveva come scopo scoprire se fosse possibile che la malattia del secolo, il cancro potesse essere una patologia che colpisse entrambi in gemelli . I ricercatori hanno esaminato 23 tipologie differenti di tumori ed hanno potuto constatare che il rischio che il tumore colpisca prima un gemello poi l’altro è elevatissimo.

Sono stati esaminati in particolare casi di tumore molto comuni nel sesso maschile come quelli alla prostata o nel sesso femminile al seno e poi neoplasie più rare come cancro al cervello, ai testicoli o alle ovaie. La ricerca condotta dai ricercatori del nord Europa è stata la prima che ha evidenziato che vi è un rischio elevatissimo che due gemelli si ammalino della stessa tipologia di cancro.

Lorelei Mucci, uno degli studiosi che ha condotto l’importante ricerca sui gemelli, ha così commentato i risultati dello studio: “Studi precedenti hanno fornito stime di rischio e di ereditabilità familiari per i tipi di cancro comuni come al seno, alla prostata e al colon, ma per i tumori rari, gli studi erano troppo piccoli, o il tempo di follow-up troppo breve, per essere in grado di individuare il fattore ereditabilità e i rischi per la famiglia”

Gli studiosi hanno cercato di comprendere se il cancro fosse per i gemelli ereditario e secondo Jaakko Kaprio, capo del team che ha condotto la ricerca in Finlandia: “I risultati di questo studio prospettico possono essere utili per l’educazione del paziente e la consulenza del rischio di cancro”.

Lo studio si è protratto per diversi anni, in particolare è stato esaminato un numero elevatissimo di gemelli, più di 200 mila tutti nati nel Nord Europa. Lo studio ha appurato che su 200 mila gemelli esaminati, nati tra il 1943 e 2010, al 33% di essi è stato diagnosticato un tumore.

I ricercatori hanno potuto stabilire che sul numero considerevole di gemelli esaminati, 3.316 sono stati quelli che si sono ammalati entrambi dello stesso tipo di cancro. Lo studio ha evidenziato che se un gemello ha scoperto che ha un tumore, nel 38% dei casi il fratello o la sorella ha avuto lo stesso tipo di cancro. Il cancro che più facilmente si può sviluppare in una coppia di gemello è quello ai testicoli.

La ricerca sulla possibilità che un tipo di cancro possa colpire tutte e due i gemelli è stata pubblicata sul prestigioso tabloid scientifico Journal of American Medical Association. I risultati della ricerca sono ritenuti molto validi e hanno confermato il legame che esiste tra un gemello e sua fratello o sua sorella anche a livello di salute.

La ricerca permette anche di poter pensare che si potrà diagnosticare in modo precoce un tumore ad uno dei gemelli essendo indubbiamente possibile che se uno dei due è stato colpito da una neoplasia anche l’altro ne potrà soffrire.

I ricercatori hanno evidenziato che il tipo di tumore che colpisce più facilmente entrambi i gemelli è il melanoma della pelle per il 58%, seguito dal cancro alla prostata per il 57%, dal tumore alle ovaie per il 39%, dal tumore al rene per il 38%, dal tumore al seno per il 31%e infine dal quello all’utero per il 27%.