Campari al via Opa per comprare Grand Marnier, costo 624 milioni

0
553
Campari-al-via-Opa-per-comprare-Grand-Marnier-costo-624-milioni

Campari-al-via-Opa-per-comprare-Grand-Marnier-costo-624-milioni

Una operazione che sicuramente sta producendo un eco incredibile quella che è stata definita dalla Campari che avrà, nel giro di soli 5 anni, il controllo totale della società francese che produce e distribuisce uno dei prodotti più famosi la mondo, il Gran Marnier.

La trattativa si è chiusa da qualche giorno e vedrà il gruppo Campari grande protagonista nella vendita di bevande alcoliche in tutto il mondo. L’operazione complessiva costerà alle casse di Campari 624 milioni di euro che permetteranno, entro la fine del 2021, alla società lombarda di avere il controllo dell’azienda francese che produce il Gran Marnier, uno dei liquori più bevuti e famosi al mondo.

Per anni abbiamo assistito all’esodo di famose marche italiane all’estero. Sono state numerose, soprattutto negli ultimi anni di crisi, le grandi aziende italiane che sono stata acquistate da colossi di altre nazioni.

Ad invertire la tendenza è stata, in questi giorni, la Campari, azienda italiana famosa in tutto il mondo, che ha deciso di tentare, riuscendoci, la scalata ad un’altra nota azienda che produce bevande alcoliche, la  Spml. I dirigenti del gruppo Campari sono riusciti, dopo mesi di trattativa, a trovare un accordo con la famiglia che da secoli gestisce la Spml, Société des Produits Marnier Lapostolle.

La Campari ha mostrato da subito interesse all’acquisizione del noto marchio francese e, in accordo con la famiglia che gestisce l’azienda, presenterà un’offerta pubblica con lo scopo di comprare il 100% delle azioni della Spml.

L’accordo tra Campari e la Spml è stato reso già pubblico e prevede che la società milanese compri in brevissimo tempo il 17,19% delle azioni della famosa azienda francese. La Campari arriverà ad acquistare il 100% delle azioni della Spml entro massimo il 2021. L’operazione per la società milanese avrà un costo complessivo di diversi milioni di euro, si parla di ben 624 milioni.

La Campari, in seguito all’accordo con la famiglia che gestisce la Spml, già dal 1 luglio 2016 inizierà la distribuzione il Grand Marnier in tutto il mondo. L’intesa raggiunta con la dirigenza della Spml prevede che la distribuzione del famoso liquore francese avvenga, per il momento, per cinque anni fino al 31 dicembre 2021, data entro la quale Campari dovrebbe aver acquisito il 100% delle azioni della importante società di oltralpe.

Bob Kunze-Concewitz, amministratore delegato del gruppo Campari, ha così commentato l’importante acquisizione che sarà conclusa dall’azienda milanese nel 2021: “Si tratta della nostra venticinquesima acquisizione e la maggiore, ha una rilevanza globale e avrà un bellissimo impatto sul nostro portafoglio, perché è un marchio iconico, con una grandissima forza soprattutto negli Usa”.

Il gruppo Campari punta decisamente, con l’acquisto e la possibilità di distribuire il Gran Marnier, a conquistare un mercato difficile ma molto vasto come quello degli Stati Uniti d’America: “Questa transazione si inserisce in modo ideale nella nostra strategia di crescita esterna sia in termini di profilo di brand, sia di struttura distributiva e finanziaria”.