breaking-news, Italia

Brindisi, unico in Italia, a 81 anni va a scuola per gli esami di licenza media

1794488_274b24463227a4eda8af7ecddae66d91f5e24d5cb22a13c3c5_pimgpsh_fullsize_distr

Ha varcato la soglia dell’istituto Leonardo da Vinci di Brindisi per sostenere il primo giorno di prova dell’esame per la licenza media insieme ad un centinaio di studenti. Lui come tutti gli esaminandi non nasconde la sua ansia e l’emozione, anzi per lui questo è un grande giorno.

Molti lo guardano incuriositi. Porta con sé solo una biro nel taschino della sua camicia lilla ed un foglio di carta sul quale è scritto a mano il suo curriculum. Ma cosa c’è quindi di così tanto speciale in un alunno che si appresta a sostenere la sua prima giornata di esame?

Assolutamente nulla se non fosse che il ragazzo in questione ha solo 81 anni! Sono ben 68 gli anni di differenza rispetto ai suo colleghi tredicenni che muniti di zaini e tracolla alla moda lo guardano stupiti chiedendosi chi sia. E’ presto detto! Lui è Antonio Pugliese, classe 1935, nato a San Pietro degli Schiavoni. Unico caso in tutta Italia a tornare sui banchi di scuola.

La sua esistenza l’ha dedicata sin da piccolo interamente al lavoro e poi alla sua famiglia. Già a 6 anni la sua schiena era curva sui campi per portare soldi alla sua famiglia dal momento che suo padre era partito al fronte come soldato per la seconda Guerra Mondiale.La mia giornata di lavoro inizia da sempre ogni mattina alle quattro. “E’ così – racconta Antonio– che ho tirato avanti la mia famiglia con sei figli. Il lavoro nei campi non mi ha consentito di continuare la scuola come avrei voluto conseguendo solo la licenza della scuola elementare. Grazie alle scuole serali, poi, sono riuscito a recuperare gli anni della scuola media”. Antonio ha energie da vendere e più parla della sua vita più si resta affascinati da questo grande uomo che alla sua età continua a lavorare aiutando una delle sue figlie al mercato ortofrutticolo di viale Risorgimento. “ Quando finisco di lavorare -spiega – ho l’abitudine di fermarmi al bar con gli amici di sempre che mi invitano a rilassarmi un po’ e a pensare più a me stesso, ma io, ormai, non ce la faccio a star lontano dai campi che amo”.

La terra gli ha regalato i veri valori della vita che lui è riuscito a trasmettere sapientemente alla nuova generazione della sua famiglia. Ma cosa lo ha spinto alla sua età a presentarsi a scuola? “ Ho girato diverse scuole quest’anno per insegnare ai ragazzi come si cura un orto. Sono stati proprio i ragazzi a far emergere quel mio antico desiderio, studiare per diplomarmi”. Se all’epoca non mi gli è stato possibile studiare per necessità di famiglia, ora è tempo di rimettersi in carreggiata e pensare a se stesso.