breaking-news, Italia

Carrieri su Polo della Giustizia, abbiamo un sindaco “frenatore e chiacchierone”

Carrieri su Polo della Giustizia, abbiamo un sindaco “frenatore e chiacchierone”

Si torna a parlare del Polo della Giustizia a Bari. L’ultima idea del sindaco Decaro è costruire il polo della Giustizia alle casermette, nella zona tra via Fanelli e via Alberotanza dove sono ubicate le ex caserme Milano e Capozzi.

Il consigliere comunale e metropolitano Giuseppe Carrieri, con la seguente nota, esprime il suo pensiero sul polo della Giustizia alle ex “Casermette”.

“Il Sindaco di Bari -ha recentemente affermato sulla stampa- che sull’ubicazione del “Polo della Giustizia” a Carrassi non si discute. E che non se ne può più dei “frenatori di professione”.

So di usare un’espressione forte ma “la faccia tosta” del Sindaco Decaro è davvero smisurata. Egli -e sopratutto il suo predecessore Emiliano- per 12 anni si sono opposti in tutti i modi alla realizzazione della Cittadella della Giustizia (di Pizzarotti), che oggi -senza i frenatori Emiliano e Decaro- sarebbe da tempo pronta. Egli (sempre Decaro) in beata solitudine -da fine 2014- va sbandierando di voler ubicare nelle ex caserme Milano e Capozzi gli uffici giudiziari, senza mai aver neppure precisato quali (Tribunale Civile, Tribunale Penale, TAR, Giudice di Pace, Procura).

 E sopratutto senza (ormai in due anni) aver prodotto uno straccio di studio di fattibilità e/o uno straccio di assenso del Ministero della Giustizia. Sbandiera, poi, presunte intese sul tema con la Commissione di Manutenzione. che nelle veci ha solo una volta e in una isolata riunione (16-12-2014) verbalizzato l’idoneità delle aree, evidenziando però taluni problemi di viabilità e la necessità preliminare di cambio di destinazione d’uso dei suoli!  Incredibile e disarmante.

 Se avessimo un Sindaco serio, che conosce effettivamente lo stato pietoso dell’edilizia giudiziaria barese, definita la questione Pizzarotti si sarebbe riattivato subito il percorso per la realizzazione del progetto relativo al secondo Palazzo di Giustizia di Via della Carboneria -come già ricordato  completo, definitivo e che è già costato alla Città di Bari oltre 5 milioni di euro- in modo da avere la concreta speranza di avere fra 3-4 anni una nuova e moderna struttura giudiziaria.

Invece abbiamo un Sindaco “frenatore e chiacchierone” che vorrebbe realizzare un polo della giustizia a Carrassi, demolendo delle caserme, progettando tutto da capo, cambiando la destinazione d’uso dei suoli, intervenendo pesantemente sul sistema della viabilità. L’ennesimo sogno e l’ennesima chiacchiera estiva, di cui non si sentiva proprio il bisogno e che faremo verificare alla Corte dei Conti, perchè a pagare non possono essere sempre e soltanto i Cittadini Baresi”.