breaking-news

Un adolescente autistico in mensa è sempre lasciato da solo a pranzare, se ne accorge il campione di football e pranza con lui

CampioneBambino-kEH-U43220397660655zXG-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

In Florida è accaduta una storia triste ma a lieto fine con un insegnamento bellissimo.

Un giorno una squadra di football è andata a far visita in una scuola media.

All’ora di pranzo, quando studenti e sportivi si sono ritrovati in mensa per il pranzo, il campione Travis Rudolph si è accorto che uno studente, autistico, stava pranzando ad un tavolo da solo e tutti i suoi compagni erano seduti in gruppi ma lontani da lui.

E così il campione ha scelto come posto per pranzare il tavolo che occupava il ragazzino da solo.

Un’amica della mamma del ragazzino ha capito subito il gesto bellissimo compiuto dal campione di sport e ha voluto immortalare la scena con una foto che ha mandato alla mamma del ragazzino.

 

La mamma del ragazzino l’ha postata su facebook scrivendo a corredo così: «Penso ogni giorno a quanto è emarginato … A volte sono grata per il suo autismo. Può sembrare una cosa terribile da dire ma in qualche modo la sua condizione può proteggerlo. Sembra che non si accorga quando le persone lo guardano mentre agita le mani, o quando non viene invitato alle feste di compleanno o quando nessuno vuole sedersi a tavola con lui. Questa è la mia preoccupazione quotidiana ma oggi non ho dovuto preoccuparmi di questo perché si è seduto di fronte qualcuno che per molti è un eroe … È un bambino dolcissimo, ha un sorriso e un abbraccio per chiunque incontri».

Il campione di football, Travis Rudolph, 20 anni ha spiegato perché ha compiuto quel gesto “L’ho visto da solo e gli ho chiesto se potevo sedermi con lui, la prima cosa che mi ha chiesto è se sono in NFL. Gli ho risposto “ancora no”. Abbiamo parlato della squadra e mi ha detto che segue il football. Bo è una ragazzino in gamba.

La mamma del ragazzino ha così risposto «Grazie Travis hai reso una madre straordinariamente felice e ci hai reso tuoi fan per la vita»