breaking-news, Italia

Italia-Lussemburgo: dal primo minuto c’è Mario Balotelli

Finalmente il calcio giocato, dopo le polemiche per l’esclusione di Pepito Rossi e Mattia Destro la nazionale stasera si confronterà a Perugia contro una delle squadre più modeste dell’Europa il Lussemburgo.

Sarà l’ultimo test prima di volare in Brasile dove il 14 giugno gli azzurri affronteranno la temibile squadra dell’IItalia - Lussemburgo-c-è-dal-primo-minuto-Balotellinghilterra.

Oggi a Perugia alle ore 20,30 l’Italia di Prandelli disputerà l’ultima amichevole  contro il Lussemburgo prima della partenza in Brasile.

Il modulo che adotterà il ct azzurro sarà il 4-3-2-1 mai utilizzato prima da Prandelli con quasi tutti i titolari in campo.

In porta ci sarà il portierone della Juventus Gigi Buffon, sulle fasce spazio al duo Milan composto da Abate e De Sciglio al centro della difesa sicuro Chiellini ballottaggio tra gli altri due juventini Barzagli, non ancora in perfetta forma fisica e  Bonucci.


A centrocampo spazio al romanista Daniele De Rossi a Andrea Pirlo ed a sorpresa a Verratti che viene preferito ad Aquilani e Parolo.

Dietro l’unica punta che sarà super Mario Balotelli che ha smaltito qualche problema fisico ci saranno il laziale Candreva e Marchisio.

Sicuramente durante la gara mister Prandelli farà ampiamente ricorso al turnover con gli innesti di Darmian, Parolo e soprattutto del tanto atteso Antonio Cassano che a trentadue anni finalmente disputerà il suo primo mondiale.

Mister Prandelli ha  voluto così rispondere durante la conferenza stampa alle esclusioni eccellenti di due attaccanti Pepito Rossi e Mattia Destro: “Tutti quelli che ho chiamato nei 30 sapevano perfettamente quale sarebbe stato il loro ruolo  e Rossi sapeva che non avrei voluto neppure chiamarlo perchè non lo giudicavo pronto ma poi ho capito che portarlo a Coverciano sarebbe stato un messaggio bello e forte da far leggere ai ragazzi. Però gli ho sempre detto che non era tra i 23. E a Londra non ha fatto quello che volevo, cioè un attaccante che giocava da attaccante e non che tornava a giocare a centrocampo, dove so benissimo che lui è il più bravo”.

Subito dopo la gara di oggi la squadra si preparerà alla partenza in Brasile dove l’Italia non parte favorita ma sicuramente dirà fino alla fine la sua.