Bari & Dintorni

Finge di essere un capitano dei carabinieri e di essere impegnato in missioni rischiosissime per gestire le sue due amanti, in realtà era un cuoco

Aveva progettato tutto alla perfezione pur di poter continuare ad avere la storia con due amanti molto più giovani di lui.

Un uomo di 49 anni originario di un piccolo paese siciliano ma trasferito da anni in Lombardia, ha finto per alcuni anni di essere un capitano dei Ros.

L’uomo si era minuto di un tesserino falso dell’arma dei carabinieri che spesso mostrava alle due donne. Il 49 enne, per giustificare le sue lunghe assenze prima da una e poi dall’altra donna, diceva che spesso era chiamato per compiere missioni rischiosissime.

L’uomo diceva di far parte dei servizi segreti italiani e per attirare l’attenzione delle donne millantava di sapere segreti che non poteva rivelare a nessuno.

I carabinieri veri sono intervenuti e hanno fermato l’uomo riuscendo a capire la sua vera identità. L’uomo non era assolutamente un capitano dei Ros e le uniche missioni rischiose le compiva in cucina essendo cuoco presso un ristorante di Como.

L’uomo potrebbe essere condannato a 4 anni di carcere.