Ultimi sondaggi regionali 2020, in Emilia Romagna il risultato è in bilico, la Lega avanza, il Pd e il M5S calano ma decisivi saranno gli indecisi

0
6425

Il governatore Stefano Bonaccini e la sua rivale Lucia Borgonzoni sembrano essere tutti e due a un passo dalla vittoria.

Secondo gli ultimissimi sondaggi in vantaggio sul rivale sarebbe, se pur di pochissimo, la candidata del centrodestra Lucia Borgozoni.

Ma a far pendere l’ago della bilancia da una parta o dall’altra saranno gli indecisi.

Secondo le intenzioni di voto ultime, il 62% degli abitanti dell’Emilia Romagna andrà a votare il 38% non sa ancora se andrà e soprattutto chi voterà.

Un numero altissimo di indecisi che potrebbe, se convinti, far vincere una o l’altra coalizione.

Stefano Bonaccini, attuale governatore dell’Emilia, le scorse elezioni elettorali regionali le stravinse ottenendo il 49% dei consensi, ma questa volta non sarà così facile come nel 2014.

La candidata del centrodestra potrà in queste elezioni contare su una macchina da guerra elettorale già messa in moto da Matteo Salvini.

In leader della Lega sa benissimo che vincere sia in Emilia che in Calabria significherebbe mettere in serissime difficoltà il governo e forse provocare la crisi.

Matteo Salvini ha intenzione a partire già da queste settimane di intensificare la sua presenza in Emilia Romagna. 

La risposta del centrosinistra sarà quella di cercare di trovare una coesione sul nome di Stefano Bonaccini di tutto la coalizione a partire da Italia Viva di Matteo Renzi.

L’intenzione del centrosinistra è quella, inoltre, di cercare di convincere anche il Movimento 5 Stelle ad appoggiare il governatore uscente Stefano Bonaccini.

Secondo i sondaggi, allo stato attuale, il primo partito in Emilia Romagna è la Lega con il 33,77%.

Sempre nel centrodestra un buon risultato l’otterebbe Fratelli d’Italia con il 7% delle intenzioni di voto.

Male Forza Italia che riuscirebbe a ottenere il 5,5% dei consensi.

Il totale della coalizione del centrodestra sarebbe vicino al 46%. Un risultato sensazionale che però non potrebbe bastare. 

Oltre agli indecisi, che chiaramente non sono calcolati in queste percentuali ,c’è il centrosinistra che unito arriverebbe vicino al centrodestra.

Il Pd, secondo le ultime intenzioni di voto, sarebbe al 31,50%, Liberi e Uguali riuscirebbe a ottenere il 3% dei consensi, mentre Italia Viva di Renzi otterrebbe il 5,4% delle intezioni di voto.

La coalizione di centrosinistra se si presentasse unita riuscirebbe a raggiungere il 40% delle intenzioni di voto.

Se al 40% del centrosinistra si aggiungessero i voti del M5S, dato attualmente al 7,5%, si capirebbe il perchè le sorti delle elezioni regionali in Emilia sono molto incerte.