Italia

Sardine a Roma in 35 mila, Mattia Santori e il programma: “I ministri non devono usare i social, chi è eletto faccia politica nelle sedi proprie e non stia sempre in campagna elettorale”

I numeri come sempre sono ballerini. La manifestazione delle Sardine in Piazza San Giovanni a Roma ha visto, secondo la questura della Capitale, la partecipazione di 35 mila persone.

Un numero importante, anche se secondo alcuni giornali il numero delle persone presenti è nettamente superiore.

A Roma le sardine sono arrivate da ogni parte d’Italia. Soprattutto dal Nord ma anche da alcune città del sud come Taranto ad esempio. C’erano anche tanti rappresentanti delle sardine.

Alla manifestazione non sono apparse bandiere o simboli di partito.

Gli organizzatori dell’evento hanno detto di essere i partigiani del 2020. Inoltre hanno chiesto a viva voce di dire basta al razzismo e di eliminare i decreti sicurezza.

Mattia Santori ha parlato dal palco di Piazza San Giovanni e ha risposto alla richiesta d’incontro del premier Conte:  “E’ apprezzabile che da parte di Conte ci sia stata una apertura ma non c’è bisogno in questo momento di un incontro fisico. Quella è la fase 3, in cui chiuso il capitolo regionali saremo pronti per sederci al tavolo. Da febbraio inizieremo a ragionare sui temi”.

Santori ha voluto sottolineare che “Da sempre abbiamo chiesto un linguaggio rispettoso, vogliamo che la politica ritorni a essere qualcosa di complesso. Andiamo a parlare prima che il sovranismo arrivi”.

Oltre all’abrogazione dei due decreti sicurezza voluti da Matteo Salvini le sardine hanno elencano i loro primi punti del programma: Chi è eletto faccia politica nelle sedi proprie e non stia sempre in campagna elettorale», «chi è ministro comunichi solo per canali istituzionali», la politica sia trasparente nell’uso delle risorse sui social, «la stampa traduca le informazioni in messaggi fedeli ai fatti», «la violenza sia esclusa dalla politica nei toni e nei contenuti e quella verbale sia equiparata a quella fisica».

Domani, lunedì gli organizzatori delle sardine si siederanno per la prima volta intorno a un tavolo.