breaking-news, Italia

Rarissimo esemplare di delfino albino fotografato a largo della costa di Ravenna

Rarissimo-esemplare-di-delfino-albino-fotografato-a-largo-della-costa-di-Ravenna

E’ l’estate degli avvistamenti, dopo quelli da film horror dei vari squali visti ripetutamente sulle spiagge di Ostia vicino la capitale ed ad Olbia nella Gallura in Sardegna, qualche tempo fa in Emilia vicino alle coste di Ravenna è stato visto e fotografato un bellissimo esemplare di delfino albino.

I delfini, da sempre amici dell’uomo, sono comuni nei nostri mari e solo qualche giorno fa nel Mar Jonio molti villeggianti hanno avuto la fortuna di vedere da lontano un gruppo di questi splendidi animali che giocavano fra loro.

Ma il delfino che è stato avvistato e fotografato nell’Adriatico nelle vicinanze di Ravenna è un esemplare rarissimo difficilissimo da poter avvistare anche perché sembra che ve ne siano in tutto il mondo solo 20 esemplari di questa specie.

Il delfino albino  in quella zona del mar Adriatico era stato avvistato più volte ma mai si era riuscito a fotografarlo.

Ci sono riusciti nell’impresa di avere un incontro ravvicinato con l’esemplare rarissimo dei ricercatori che sono impegnati nel progetto Metcet che ha come scopo la conservazione dei cetacei e delle tartarughe di mare dell’Adriatico.

Gli scienziati che sono riusciti ad immortalare il magnifico esemplare che hanno chiamato Albus fanno parte della fondazione “Cetacea” di Riccione.

La fondazione di Riccione “Cetacea” ha spiegato il motivo per il quale solo ora è stato svelato l’eccezionale avvistamento: L’incontro è avvenuto, a 15 miglia da riva, il 29 Maggio scorso alle 13,30 circa”

Su Facebook dove è stata postata la bellissima foto la fondazione ha anche spiegato i motivi di tutto questo tempo di silenzio: “Perché in qualche modo era trapelata e quindi non potevamo più “proteggere” Albus dalla curiosità, spesso nociva, delle persone. Fortunatamente siamo a fine estate, il traffico marino estivo sta diminuendo ed è meno probabile che gruppi di curiosi si mettano alla sua ricerca.”