Una giornata di relax trasformata in tragedia, 66enne non riesce a tornare a riva per la forte corrente, muore annegato

Tragedia in mare ad Anzio: muore Alfredo Baccarini

Una giornata di relax trasformatasi in tragedia

Il pomeriggio di domenica 16 giugno, il litorale sud della provincia di Roma è stato teatro di una tragica fatalità. Alfredo Baccarini, un sessantaseienne di Lanuvio, ha perso la vita mentre faceva il bagno in mare ad Anzio. Nonostante l’intervento rapido dei bagnanti e dei sanitari, non è stato possibile salvare l’uomo. Alfredo si trovava in spiaggia con la moglie per trascorrere una giornata di relax quando è stato trascinato dalla corrente. Dopo essere stato riportato a riva, Alfredo ha perso conoscenza e, nonostante i tentativi di rianimazione, non si è più ripreso.

Il tentativo di salvataggio

Secondo le prime ricostruzioni, Alfredo Baccarini e la moglie stavano nuotando quando sono stati sorpresi dalla forza della corrente. Erano circa le 16 quando i due hanno iniziato ad avere difficoltà a tornare a riva. Alcuni bagnanti sono intervenuti prontamente, riuscendo a riportare Alfredo a riva, ma una volta sul bagnasciuga l’uomo ha perso i sensi. I sanitari intervenuti, insieme alla capitaneria di porto e ai carabinieri, hanno tentato di rianimarlo, ma ogni sforzo è stato vano. Si ipotizza che Alfredo possa essere stato colto da un malore improvviso, ma le cause esatte rimangono ancora da chiarire. La salma è stata trasferita in obitorio e l’Autorità Giudiziaria deciderà se procedere con l’autopsia per far luce sull’accaduto.

Un’altra tragedia nel mare di Roma

La morte di Alfredo Baccarini è la seconda in pochi giorni lungo la costa romana. Il 13 giugno, solo tre giorni prima, un’altra tragedia ha colpito la comunità di Ladispoli. Maria Cesarea Petracca, conosciuta come Sara, una professoressa d’inglese di 62 anni che insegnava in provincia di Viterbo, è morta mentre faceva il bagno a Torre Flavia. Anche in questo caso, la corrente è stata fatale, spingendola contro gli scogli. Questi tragici eventi sottolineano la pericolosità del mare e l’importanza di prestare sempre la massima attenzione durante il nuoto.