breaking-news, Italia

M5S, Pizzarotti lancia la sfida “Il passo indietro di Grillo è nei fatti”

M5S-Pizzarotti-lancia-la-sfida-“Il-passo-indietro-di-Grillo-è-nei-fatti”

Federico Pizzarotti non ha perso tempo durante l’Open Day organizzato a Parma e ha subito detto come, secondo lui, debba essere organizzato il Movimento Cinque Stelle: “Il passo indietro di Grillo è nei fatti, la prima cosa che il Direttorio dovrebbe fare è convocare una grande assemblea. Le regole vanno cambiate”.

Il primo cittadino spera in un nuovo corso da parte del direttivo da pochissimo insediato e, soprattutto, che si rivedano le espulsioni perpetrate in quest’ultimo periodo.

Pizzarotti afferma di non avere paura di eventuali scomuniche e che intende andare avanti nel cercare di poter dare nuovo impulso al Movimento Cinque Stelle nel quale si discute soltanto di espulsioni e non più di programmi.


A Parma i cinque designati da Grillo e votati dalla rete che formano il nuovo direttivo non si sono visti.

Erano tutti presenti, invece, gli espulsi del partito a dimostrazione che in Pizzarotti riconoscono l’uomo che potrà, effettivamente, cambiare il movimento cinque stelle.

Pizzarotti dice che serve una svolta: “L’auspicio è di riscoprire i valori da cui siamo partiti. Che erano sicuramente un po’ meno scontrini e molti più contenuti”.

Ieri erano in tanti ad ascoltare il sindaco di Parma che ha dichiarato di non volere scissioni nel partito:”Noi siamo, siamo stati e dobbiamo essere la forza capace di cambiare questo Paese. Se ci facciamo mangiare da lotte intestine non andiamo da nessuna parte. Bisogna tornare sui territori, con i cittadini. Di leoni da tastiera ne abbiamo tanti”.

Il sindaco di Parma ha posto l’accento sull’esigenza che il movimento cinque stelle si riunisca in un congresso: “Dobbiamo incontrarci in una struttura  dove 500 o 600 persone possano parlare”.

Pizzarotti parla anche delle regole interne del Movimento Cinque Stelle che devono essere poche ma chiare: “Dobbiamo iniziare ad avere poche regole ma chiare. Gli eletti siamo noi, possiamo cambiare le regole”

L’ideatore dell’Open Day conclude affermando: “Sono nel M5S e vorrei che il Movimento si riconoscesse nel lavoro che faccio. Grillo ha fatto sicuramente tanto, senza di lui non ci saremmo, ma il Movimento siamo tutti noi.  ora che Grillo ha fatto un passo indietro  bisogna incominciare ad andare avanti con le nostre forze, con le nostre gambe e, io spero, con le idee di tutti”.

Beppe Grillo, sul proprio Blog, smentisce categoricamente un suo disinteresse nei confronti del movimento: “Sono vivo, non ho fatto un passo indietro”.