breaking-news, Italia

Merkel si ad uscita della Grecia dall’euro

Merkel-si-ad-uscita-della-Grecia-dall-euro

In Grecia, una eventuale vittoria dell’estrema sinistra di Alexander Tsipras, potrebbe determinare l’uscita del paese ellenico dalla zona euro.

Alexander Tsipras, Il leader del movimento Syriza dato in Grecia in grande vantaggio nei sondaggi, ha recentemente dichiarato che l’intenzione del suo partito non è quella di uscire dall’euro ma di rinegoziare il grosso debito che il paese ellenico ha nei confronti della comunità europea.

Il leader dell’estrema sinistra greca vorrebbe che l’Unione Europea abbonasse una buona parte del debito che il paese ellenico ha contratto con l’Unione Europea.

Un successo dell’estrema sinistra in Grecia potrebbe anche determinare la fuoriuscita del paese ellenico dall’eurozona.


La notizia, che dopo l’elezioni politiche, la Grecia potrebbe uscire dall’eurozona non sembra far paura, come in passato, alla Germania.

A rendere nota questa nuova posizione da parte del governo tedesco sulla possibile uscita della Grecia è stato il giornale tedesco Der Spiegel,

Angela Merkel, secondo il Der Spiegel, non farebbe alcun tipo di opposizione all’eventuale rinuncia dell’utilizzo da parte della Grecia dell’euro.

Il tabloid tedesco spiega i motivi per i quali la cancelliera tedesca darebbe il suo assenso all’uscita della Grecia dalla comunità Europea.

Angela Merkel ritiene che non sia più pericoloso per la comunità europea un’eventuale decisione della Grecia di uscire dalla comunità europea.

La comunità europea ha un’economia che potrebbe sopportare una fuoriuscita di un paese membro.

Il Der Spiegel riporta che Angela Merkel ritiene che “Il pericolo di un contagio è limitato perché Portogallo, e Irlanda si debbono considerare riabilitati”.

Sia il Portogallo che l’Irlanda, come la Grecia, hanno dovuto far ricorso all’aiuto finanziario del Fondo Monetario Internazionale.

Il Portogallo e l’Irlanda, a differenza della Grecia, hanno un’economia in netta ripresa.

Angela Merkel ritiene che se il 25 gennaio, giorno delle votazioni in Grecia, ci fosse l’affermazione dell’estrema sinistra di Alexander Tsipras sarebbe inevitabile l’uscita del paese ellenico dall’eurozona.

Intanto, dagli inizi di gennaio ha aderito alla Comunità europea la Lituania, una nazione che ha un’economia forte e che non ha risentito particolarmente del periodo di lunga crisi dell’economia mondiale.

Il Der Spiegel si chiede se fosse possibile che un paese come la Grecia possa non utilizzare più l’euro come moneta ma possa ancora far parte della Comunità Europea.