breaking-news, Italia

Ministro Lanzetta è ufficiale si è dimessa

Maria Carmela Lanzetta ha mantenuto la parola data nei giorni scorsi.

L’ex sindaco di Monasterace, un piccolo paese in provincia di Reggio Calabria, ha deciso di dimettersi della carica di ministro per gli affari regionali.

Maria Carmela Lanzetta aveva riferito che si sarebbe dimessa già qualche giorno fa.

E’ stata la stessa ex titolare del dicastero del ministro per gli affari regionali a rendere note le sue dimissioni dall’esecutivo di Matteo Renzi.

L’esponente di spicco del Partito Democratico ha anche riferito che non intende accettare l’incarico di assessore alle riforme istituzionali, semplificazione amministrativa, cultura, istruzione e pari opportunità della giunta regionale calabrese.


A proporre a Maria Carmela Lanzetta l’incarico di assessore nella giunta regionale della regione era stato Mario Oliverio, nuovo governatore della Calabria.

Maria Carmela Lanzetta, al momento, non ha rilasciato alcuna dichiarazione sulla clamorosa decisione di dimettersi da ministro per gli affari regionali del governo Renzi.

L’esponente calabrese del Pd ha deciso di dimettersi perché non ha condiviso la decisione di Mario Oliviero, nuovo governatore della regione Calabria, di nominare Nino De Gaetano come nuovo assessore delle giunta.

Nino De Gaetano è stato coinvolto in una vicenda giudiziaria per voti di scambio ma non risulta essere iscritto nel registro degli indagati.

Il nuovo assessore della giunta regionale calabrese aveva dichiarato qualche giorno fa che se fosse stato indagato per voti di scambio si sarebbe subito dimesso dall’incarico.

Il ministro Maria Carmela Lanzetta aveva confessato, prima della nomina della giunta regionale del presidente della regione Calabria Mario Oliviero, di volersi dedicare a tempo pieno alla sua regione.

In seguito alla nomina in Calabria di Nino De Gaetano come assessore, l’ex ministro aveva preso la clamorosa decisione di dimettersi da qualsiasi incarico istituzionale e di non entrare nelle giunta regionale calabrese.