breaking-news, Italia

Quirinale, centrodestra Salvini si a confronto con Berlusconi

Quirinale-centrodestra-Salvini-si-a-confronto-con-Berlusconi

L’elezione di Sergio Mattarella da molti è ritenuta un vero capolavoro politico di Matteo Renzi.

Il premier è riuscito a ricompattare il Partito Democratico che ha votato unito per l’elezione di Sergio Mattarella come nuovo Presidente della Repubblica.

I dissidi interni nei Dem sembrano spariti con l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica.

Il Premier, inoltre, ha mantenuto fede alla parola data agli italiani e, alla quarta votazione, il Presidente della Repubblica è stato eletto.

I partiti che escono male dall’elezione del nuovo presidente della Repubblica sono, senza ombra di dubbio, il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano e Forza Italia di Silvio Berlusconi.


Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, però, tende una mano a Forza Italia dichiarando di comprendere lo sconforto che serpeggia nelle fila del partito degli azzurri che si sono sentiti traditi da Matteo Renzi.

Salvini dice anche che è il momento di pensare al futuro perché “dalle grandi sconfitte nascono le grandi vittorie”.

Matteo Salvini ritiene che Forza Italia sia caduta nel tranello di Renzi ed ora si ritrova con un presidente della repubblica proveniente dalla vecchia Democrazia Cristiana.

All’interno di Forza Italia Silvio Berlusconi e Raffaele Fitto sono oramai alla resa dei conti.

L’ex governatore della Puglia  parla anche dei 38 parlamentari di Forza Italia che hanno votato Sergio Matarella come presidente della Repubblica e non si sono attenuti alle indicazioni del partito, votare scheda bianca.

Raffaele Fitto suggerisce a chi non crede che i suoi uomini abbiano votato scheda bianca di rivedere i filmati delle telecamere della quarta votazione del presidente della Repubblica.

L’europarlamentare dice che i tempi di sosta nel seggio elettorale sono stati molto brevi da parte dei parlamentari di Forza Italia vicini alla sua corrente di partito.

Per questo motivo è impossibile che quelle 38 schede possano appartenere agli uomini del suo partito.