breaking-news, Italia

Emma Bonino dopo annuncio malattia torna in pubblico a convegno Pd

 Emma-Bonino-dopo-annuncio-malattia-torna-in-pubblico-a-convegno-Pd

Emma Bonino a gennaio scorso aveva reso noto di essersi ammalata di cancro ai polmoni e che per alcuni mesi doveva lasciare la politica per dedicarsi alla sua salute.

L’ex ministro degli Esteri dell’esecutivo Letta aveva rivelato di avere il cancro ai polmoni durante una sua partecipazione ad una trasmissione andata in onda su Radio Radicale.

Dopo quasi due mesi dal suo shoccante annuncio Emma Bonino  è riapparsa in pubblico.

La leader storica del partito radicale ha partecipato al convegno “Come cambia il mondo” organizzato dal Partito Democratico.

Emma Bonino alle persone intervenute al convegno è apparsa molto tranquilla e sorridente.


La Bonino ha coperto il suo capo con un turbante di colore celeste ed ha dichiarato di essere ancora una convinta sostenitrice dell’Unione Europea.

L’ex ministro degli esteri ha analizzato l’attuale situazione politica affermando che in Italia come del resto in tutta Europa si stanno sempre più affermando i partiti euroscettici.

Emma Bonino ha dichiarato che: “Sono una appassionata europea, non faccio parte degli euroscettici, ma a me pare che ci sia un ritorno ad uno spirito intergovernativo”.

La Bonino ha voluto dire la sua anche sull’incontro avvenuto qualche giorno fa a Minsk in Ucraina tra il presidente Russo Vladimir Putin, il presidente ucraino Petro Poroshenko, la cancelliera Angela Merkel e Francois Hollande.

Emma Bonino sull’importantissimo incontro di Minsk ha dichiarato che: “A mio avviso le derive intergovernative sono molto forti, lo sono state nella crisi economica, dove la maggior parte delle misure sono state nazionali o comunque rimandate ai governi nazionali. E credo la stessa deriva si stia verificando in politica estera”.

Il leader storico del partito radicale ha rilasciato anche un’intervista al quotidiano “La Repubblica” nella quale racconta di aver perso ogni speranza di essere nominata Presidente della Repubblica già dal lontano 1999.