breaking-news, Italia

Berlusconi e Verdini si vedono ma rimane il gelo

Berlusconi-e-Verdini-si-vedono-ma-rimane-il-gelo

Per Silvio Berlusconi le feste per la definitiva assoluzione per il caso Ruby sancita dalla Corte di Cassazione sono già finite.

L’incontro tenutosi tra Silvio Berlusconi e Denis Verdini ha sancito che tra i due  vi è una notevole divergenza di opinioni.

L’intenzione di Silvio Berlusconi è quella di rimettere in sesto Forza Italia cercando di placare gli animi molto accessi delle varie correnti.

Dopo la divisione sancita da Raffaele Fitto che ha formato in Forza Italia una corrente denominata “I ricostruttori” che intende portare avanti una linea dura contro l’esecutivo guidato da Matteo Renzi, si profila una nuova corrente negli azzurri formata da Denis Verdini che invece vorrebbe che si portassero avanti con l’attuale premier le riforme elettorali e quelle della costituzione.

Berlusconi e Verdini si sono incontrati ma sembrerebbe che il faccia a faccia tra i due sia stato molto teso tanto che alcuni testimoni hanno riferito che  sono anche volate parole grosse.

Denis Verdini sarebbe pronto a lasciare Forza Italia e con lui direbbero addio al movimento creato da Silvio Berlusconi 9 senatori e 16 onorevoli pronti ad affluire nel Nuovo Centrodestra di Alfano.


L’ex consigliere personale di Silvio Berlusconi avrebbe detto al suo gruppo che attende i risultati delle prossime regionali elezioni che si svolgeranno a maggio.

Denis Verdini sarebbe pronto a lasciare Forza Italia nel caso in cui il partito fondato da Silvio Berlusconi venisse superato nelle preferenze degli italiani, come appare molto probabile, dalla Lega.

Silvio Berlusconi però ha riferito che, dopo l’assoluzione del caso Ruby, è pronto a scendere in campo ed a tornare nelle piazze per cercare di recuperare più compensi possibili.

La situazione sembra oramai compromessa con Denis Verdini in procinto di abbandonare Silvio Berlusconi e Forza Italia di approdare nel NCD o formare una nuova corrente politica che appoggi il governo di Matteo Renzi.