breaking-news, Italia

Padoan e Cantone al via decalogo anticorruzione con rotazione incarichi

Padoan-e-Cantone-al-via-decalogo-anticorruzione-con-rotazione-incarichi

Una serie di iniziative per cercare di frenare la corruzione dilagante sono state intraprese dal titolare del dicastero del ministero dell’economia Pier Paolo Padoan e da Raffaele Cantone presidente dell’Autorità anticorruzione.

Le iniziative riguardano le società pubbliche che non sono quotate in borsa e dovranno essere assunte dai massimi dirigenti aziendali in tempi brevissimi.

Un tentativo quello fatto da Pier Paolo Padoan e da Raffaele Cantone per cercare di arginare la corruzione che sta diventando sempre più una piaga per l’intera economia italiana.

Il decalogo anticorruzione è stato compilato dallo staff del ministro dell’economia Pier Carlo Padoan e da Raffaele Cantone ed è formato da 12 pagine nelle quali vi sono una serie di indirizzi che i dirigenti delle aziende pubbliche dovranno adottare.


Le nuove regole prevedono l’affidamento degli incarichi non sempre agli stessi professionisti ma a rotazione e garanzie per il dipendente pubblico che rivela un tentativo di corruzione in atto.

Saranno previsti anche corsi anti-corruzione per dipendenti pubblici ed, inoltre, dovrà essere adottato da tutte le aziende un codice di comportamento a cui tutti i lavoratori dovranno attenersi.

Ogni azienda dovrà nominare un responsabile dell’anti corruzione.

Le regole imposte dal ministro dell’economia e dal presidente dell’autorità anticorruzione riguarderanno aziende del livello, di Enel, Anas, Rai, Poste e Ferrovie.

La presentazione delle linee giuda avverrà nella giornata di domani alla presenza dei due autori del decalogo anticorruzione Raffaele Cantone e Pier Paolo Padoan e del ministro della pubblica amministrazione Marianna Madia.