breaking-news, Italia

Puglia, strappo tra Vitali e Schittulli, Forza Italia fuori dal centrodestra

Puglia-strappo-tra-Vitali-e-Schittulli- Forza-Italia-fuori-dal-centrodestra

Ieri si è consumato in Puglia forse lo strappo definitivo tra le due anime di Forza Italia, i ricostruttori di Raffaele Fitto e gli uomini fedeli a Silvio Berlusconi.

In Puglia il professor Francesco Schittulli ex Presidente della Provincia di Bari sarà il candidato alle prossime elezioni regionali dei ricostruttori di Fitto, che presenterà una propria lista civica, del Nuovo centro destra, di Fratelli d’Italia ma non di Forza Italia.

A sancire la definitiva spaccatura del centrodestra è stato Luigi Vitali, nuovo commissario di Forza Italia in Puglia che, nella serata di ieri, ha diffuso il seguente comunicato stampa: “Abbiamo aspettato che consumasse l’ultimo strappo, l’ho ha fatto e quindi è stato capace di riuscire là dove nessun altro era riuscito: ha spaccato il centrodestra . Invece di essere il candidato di tutto il centrodestra è il candidato di Fitto. Noi la nostra disponibilità  l’avevamo data. Non e’ stata tenuta in considerazione, a questo punto non è più il nostro candidato”.

Un strappo consumato dopo due mesi di estenuanti trattative tra Luigi Vitali, Raffaele Fitto e Francesco Schittulli.


La  discussione verteva sulla formazione delle liste di Forza Italia che Francesco Schittulli voleva che fossero le più competitive possibili e che avessero al suo interno anche gli ex dirigenti,amministratori e consiglieri regionali uscenti che appartenevano all’area dei ricostruttori di Fitto.

Vitali non ha ceduto del tutto alle richieste del Professor Schittulli e si è consumato lo strappo nel centrodestra che vedrà correre Forza Italia fuori dal centrodestra.

In queste ora Luigi Vitali e i suoi uomini stanno cercando una personalità proveniente o dal mondo della cultura o dalla politica che accetti di essere il candidato alla regionali di Forza Italia.

Nello stesso tempo il nuovo commissario pugliese sta cercando anche di trovare un’intesa con il partito “Noi per Salvini”.