breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Con l’uso dei tablet la nostra attenzione è come quella dei pesci rossi

La capacità di concentrazione da parte dell’essere umano negli ultimi anni è diminuita sensibilmente.

Lo studio che ha portato a questa clamorosa scoperta è stato svolto da alcuni ricercatori della Microsoft  della sede canadese che hanno constatato che con l’avvento del “multitasking” che consente di poter leggere le notizie o i messaggi postati sui social molto velocemente, la capacità di concentrarsi dell’essere umano è diminuita di molto.
I ricercatori canadesi hanno constatato che la capacità media di concentrarsi attualmente in un uomo è pari a otto secondi.

Gli studiosi della Microsoft hanno potuto appurare che l’attenzione che riserviamo alle notizie o ai post è inferiore anche a quella dei pesci rossi che hanno una capacità di concentrazione superiore alla nostra pari i media 9 secondi.

Lo studio degli studiosi della Microsoft è avvenuto analizzando il comportamento di 112 uomini di nazionalità canadese che si sono sottoposti a elettroencefalogramma.

Lo studio è durato 15 anni ed ha evidenziato che dal 2000 ad oggi la capacità di concentrazione di un uomo è scesa da 12 secondi a 8 secondi.

I ricercatori che hanno condotto lo studio ritengono che il calo dei secondi di concentrazione da parte dell’uomo è derivato dall’uso sempre più frequente di smartphone e tablet.

Gli studiosi ritengono però che anche se  vi è stato un evidente calo di concentrazione da parte dell’essere umano, la tecnologia in questi ultimi anni ha fatto passi da gigante.

Gli smartphone e tablet permettono di leggere informazioni in modo molto più veloce rispetto a qualche anno fa.