breaking-news, Italia

Terremoti in tempo reale: news oggi nuova forte scossa tra Umbria e Marche

Terremoti-in-tempo-reale-news-oggi-nuova-forte-scossa-tra-Umbria-e-Marche

Oggi, 7 gennaio 2014, nuova forte scossa in Umbria nel distretto sismico di Colfiorito di Nocera Umbra.

Il sisma, di magnitudo 3.5, è avvenuto alle ore 1,43 della notte appena trascorsa ad una profondità dalla crosta terrestre di km. 7,5.

Essendo l’epicentro della scossa avvenuto non ad una eccessiva profondità il boato del terremoto è stato sentito in tutta l’Umbria ed anche a Perugia città.

I comuni vicini all’epicentro dell’evento sono stati i seguenti: Serravalle di Chienti, Fiuminata, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina, Pioraco, Sefro in provincia di Macerata nelle Marche e Foligno, Gualdo Tadino, Nocera Umbra, Sellano, Valtopina in provincia di Perugia.

Con questa ulteriore scosse di media intensità è tutta l’Umbria oramai sottoposta ad un intensa attività tellurica.

A soli 50 chilometri dalla zona colpita oggi dal terremoto vi è l’area del distretto sismico di Gubbio che da mesi è sottoposta ad uno sciame sismico che non conosce soste tanto che nel 2013 sono state registrate più di millequattrocento scosse alcune delle quali anche superiori a magnitudo 3.0 ed una in particolare ha superato anche 4.0 di magnitudo.

Anche oggi la zona di Gubbio non è stata esentata da una scossa che si è verificata all’alba di stamane alle ore 5,56 di magnitudo 2.1.

Gli esperti sostengono che il susseguirsi di scosse è ancora la conseguenza del terribile terremoto avvenuto nel 2009 a L’Aquila che devastò interi centri abitati e tutto il centro storico del capoluogo abruzzese.

A dimostrazione di questa teoria l’ulteriore scossa segnalata oggi dall’Ingv avvenuta alle ore 10,27, di magnitudo 2.1 ha interessato proprio il distretto sismico Aquilano.

Fino ad ora le scosse, anche di forte intensità, che si sono verificate in Umbria molte delle quali sono state avvertite in tutto il centro Italia non hanno provocato danni né ad abitazioni né a strutture pubbliche anche se la paura tra gli umbri è tanta.