Loading...

Riforma Pensioni, Padoan a lavoro su flessibilità e reddito minimo

0
145
Riforma-Pensioni-Padoan-a-lavoro-su-flessibilità-e-reddito-minimo

Riforma-Pensioni-Padoan-a-lavoro-su-flessibilità-e-reddito-minimo

Anche in questa calda estate uno dei temi più discussi nell’ambiente politico è la riforma delle pensioni.

Però sembra che nella prossima legge di stabilità, che il governo dovrà presentare entro e non oltre il prossimo 30 settembre, sia la volta buona che l’esecutivo presenti delle proposte di modifica all’attuale riforma delle pensioni.

A lavoro per portare le modifiche necessarie alla riforma Fornero ci sono i tecnici del ministero dell’economia.

Il ministro Pier Paolo Padoan, in comune accorso con il ministro del lavoro Poletti e il premier Matteo Renzi, sta lavorando ad una proposta sulle pensioni che renda più flessibile rispetto alle attuali norme l’uscita dal mondo del lavoro.

L’idea che sembra sempre più prendere piede è quella di consentire i lavoratori che hanno raggiunto il massimo dei contributi ma non hanno il requisito anagrafico di poter accedere alla pensione.

La possibilità di accedere alla pensione non sarà però obbligatoria ma facoltativa e sarà a discrezione del lavoratore accettare o meno di lasciare il lavoro anticipatamente.

Non è stato fissato ancora un limite di età ma sembra che i tecnici del ministero dell’economia stiano pensando a consentire l’accesso facoltativo alla pensione a tutti i lavoratori che hanno compiuto il sessantaduesimo anno di età.

Per non far gravare l’accesso anticipato alla pensione sulle casse dello Stato i tecnici del ministero del lavoro stanno pensando ad una decurtazione dell’assegno pensionistico pari al 3% per ogni anno in meno che si è lavorato.

Un’altra proposta che molto probabilmente sarà inserita nella nuova legge di stabilità è quella del reddito minimo per i lavoratori che hanno superato i 55 anni e si trovano senza occupazione.

Secondo il presidente dell’Inps, Tito Boeri, una proposta del genere si rende necessaria per garantire un minimo di sopravvivenza a chi difficilmente riesce a trovare una nuova occupazione e che si trova in una situazione alle soglie della povertà.

Loading...