Loading...

Lariano Roma, pitbull azzanna bimba e le stacca il naso

0
199
Bari-arrestato-spacciatore-che-era-barricato-in-casa-con-un-pitbull

Roma-a-bambina-di-7-anni-strappato-il-naso-da-un-pitbull

I medici lo raccomandano, far vivere i bambini con gli animali è importantissimo per un giusto ed equilibrato sviluppo psicofisico dei bimbi.

A trarne beneficio da questi rapporti sono sia gli animali sia i bambini.

Gli animali e, in particolar modo i cani, sono in grado di dare un amore sconfinato all’uomo ma soprattutto ai bambini dei quali si prendono cura come e meglio di un uomo.

I bambini si sentono amati e sono in grado di ricambiare in toto questo amore.

E’ buona norma, però, sempre fare in modo che tutte le norme vengano rispettare quando un animale vive in un ambiente domestico perché fondamentale è il rispetto dell’animale come tale.

Solo così si può convivere.

Quando ciò non accade si possono verificare problemi o sfiorare addirittura tragedie.

A Roma una bambina era stata lasciata dai propri genitori ad alcuni vicini dove era solita stare.

I vicini hanno un cane , un pitbull che stava dormendo.

La bambina, per giocare ha iniziato a intrattenersi con lui e a stargli vicino nonostante il cane dormisse.

Ad un certo punto, il cane è stato svegliato dalla bambina e, evidentemente innervosito per il fastidio che stava subendo, l’ha aggredita al viso strappandole una narice.

I vicini che si stavano occupando della bambina hanno subito avvisato il 118 che è intervenuto trasportando la bambina in un primo momento all’ospedale di Velletri e poi al Bambino Gesù di Roma.

E’ proprio presso l’ospedale Bambin Gesù che attualmente la bambina si trova  e dove rimarrà per 30 giorni.

Nella casa dei vicini soni arrivati immediatamente i i carabinieri della stazione di Lariano.

Le forze dell’ordine hanno denunciato il proprietario del cane: si tratta di un giovane di soli 22 anni che ora è accusato di lesioni personali colpose e omessa custodia di animali.

Dagli accertamenti condotti è risultato, inoltre, che il padrone del cane non aveva provveduto ad iscrivere, procedura questa obbligatoria, l’animale all’anagrafe canina e anche che il cane non aveva il microchip.

Solo qualche giorno fa un’altra bambina di 11 anni fu azzannata da un rottweiler in un piccolo paesino in provincia di Torino.

La bimba stava giocando con il cane quando all’improvviso il rottweiler l’aggredita al volto.

La bambina è stata subito trasportata in ospedale dove è stata sottoposta ad un intervento di chirurgia plastica.

Loading...