Loading...

Roma, operazione da primato ad una donna asportato un tumore di 30 chili

0
373
Roma-intervento-da-record-ad-una-paziente-asportato-un-tumore-di-30-chili

Roma-intervento-da-record-ad-una-paziente-asportato-un-tumore-di-30-chili

La direzione del “Regina Elena”, in seguito all’intervento eseguito con successo alla donna di 65 anni che è consistito nell’asportazione di un tumore dal peso di 30 chili, ha diramato il seguente comunicato: “La donna è giunta alla nostra attenzione a fine estate tramite alcuni familiari residenti in Italia che le hanno suggerito di contattarci. Dopo gli accertamenti di rito, grazie all’expertise propria dell’unità specifica, la paziente è stata operata dall’equipe guidata dal professore Alfredo Garofalo, gli aiuti Mario Valle, Fabio Carboni, Orietta Federici e le anestesiste Alessandra Costantino e Luana Fabrizi, oltre a strumentisti ed infermieri. L’esame istologico ha confermato che si trattava di liposarcoma retroperitoneale del peso complessivo di 30 kg”.

Al plesso ospedaliero “Regina Elena” di Roma è stato effettuato da un team di medici guidati dal Prof. Alfredo Garofalo un’operazione chirurgica unica e molto delicata.

L’equipe del Prof. Alfredo Garofalo ha asportato ad una donna di 65 anni un tumore del peso di 30 chilogrammi.

Il delicato intervento alla donna che ha 65 anni ed è la madre di 3 figli nessun equipe medica in Europa voleva farlo.

La signora, che pesa 90 chili, è stata ricoverata nell’ospedale “Regina Elena” per 14 giorni e dalle sue attuali condizioni si può dire che il suo recupero procede nel miglior dei modi.

L’equipe medica del Professor Alfredo Garofalo è stata impegnata in sala operatoria per asportare l’enorme massa tumorale per 7 ore.

La donna ad aprile scorso aveva iniziato a non stare più bene ad iniziare a vomitare continuamente e non avere più appetito.

La paziente, inoltre, aveva l’addome che all’improvviso si era ingrossato.

La donna ha svolto tutti gli esami del caso ed i medici hanno scoperto che era stata colpita da un cancro di origine lipomatosa.

Nessun plesso ospedaliero europeo aveva dato la sua disponibilità ad effettuare l’operazione perché ritenuta molto rischiosa.

La donna si è trasferita in Italia grazie ad alcuni suoi parenti che hanno chiesto ed ottenuto che l’intervento fosse fatto dall’Istituto nazionale tumori del “Regina Elena” di Roma.

Oltre il prof. Alfredo Garofalo nell’equipe medica che è intervenuta per svolgere l’intervento unico nel suo genere c’erano altri tre medici e due anestetisti.

Subito dopo l’intervento l’esame istologico svolto sulla massa tumorale di più di 30 chili ha confermato che si tratta di un liposarcoma.

La donna dopo le dimissioni è stata affidata ad esperti oncologici che hanno predisposto la chemioterapia.

La dottoressa Marta Branca che da aprile scorso è il nuovo commissario Straordinario  per gli Istituti Fisioterapici Ospitalieri e per l’Istituto Lazzaro Spallanzani con la seguente dichiarazione si è complimentata con l’equipe del professor Alfredo Garofalo: “Mi complimento con tutta l’equipe  ed il personale coinvolto. Si conferma quindi quanto evidenziato nella certificazione Europea di recente conseguita (Oeci): che il nostro centro oncologico ha una chirurgia in grado di intervenire in tutti i tipi di tumori e soprattutto quelli più complessi. E’ stato inoltre un bel battesimo per le nuove sale operatorie integrate e multimediali”.

Loading...