breaking-news, Gossip & Spettacolo, Italia

Pino Daniele ad un anno dalla morte la figlia lo ricorda così

Sara Daniele, figlia del grande Pino, ha voluto ricordare ad un anno dalla sua scoPino-Daniele-ad-un-anno-dalla-morte-la-figlia-lo- ricorda-cosìmparsa suo padre il grande musicista napoletano morto all’età di 59 anni in seguito ad un infarto.

Pino Daniele fu ricoverato la sera del 4 gennaio 2015 all’ospedale di Sant’Eugenio di Roma ed i medici cercarono in tutti i modi di salvarlo ma il cantante morì alle ore 22,45. I suoi funerali si svolsero prima a Roma e poi nella sua Napoli a Piazza Plebiscito dove parteciparono più di 100 mila suoi fan.

È passato un anno ma sembra ieri quando Pino Daniele, uno dei più grandi cantanti italiani apprezzati in tutto il mondo, è scomparso. Era il 4 gennaio 2015 quando il cuore del cantante napoletano cessò per sempre di battere.

Tanti sono stati in questi giorni i personaggi che hanno ricordato la morte del grande cantate, anche Gigi D’Alessio dal palco del concertone di fine anno di Bari ha salutato commosso il grande Pino Daniele.

Ma una figlia è sempre una figlia. A Sara Daniele il ricordo del padre è rimasto, come non poteva essere altrimenti, ancora vivo.

L’alchimia che si crea tra un figlio ed un padre è in tantissimi casi qualcosa di speciale che resterà per sempre impressa nella memoria. Sara Daniele non ci ha pensato un attimo ed ha scritto un messaggio molto toccante sul padre sulla sua pagina ufficiale.

Il messaggio su Facebook inizia così: “Ciao mia grande roccia, oggi è un anno che non ci sei. Molte volte penso di vivere in un incubo in cui non trovo via d’uscita, crescere senza di te, chi se lo sarebbe aspettato. Quante cose sono cambiate, e quante ne cambieranno, ma il mio amore per te rimarrà incondizionatamente senza fine.”

Parole che ogni padre vorrebbe sentire e che anche a Pino Daniele sul palco dove ora si sta esibendo hanno fatto commosso e fatto piacere.

Sara Daniele ha voluto anche raccontare le cose quotidiane che le mancano del padre: “Mi manca tutto. Le chiamate quando esco per sapere a che ora torno, o solo per sentire come sto. Il caffè insieme la mattina, o entrare dentro casa mentre tu suoni la chitarra. Ecco, dal 4 gennaio 2015 il mio mondo è silenzioso, senza musica. L’unica che mi fa sentire a casa è la tua, dove ti sento sempre vicino a me. Ciao papà, ci manchi.”

Il post di Sara Daniele ha avuto tantissimi commenti uno in particolare è stato molto commovente: “Le canzoni del tuo papà…sono per la mia generazione e saranno per le tante generazioni a seguire momenti indimenticabili… Sono un papà che adoro i miei figli e nel leggere i tuoi pensieri verso il tuo papà mi hanno spezzato per qualche istante il cuore.. Mi dispiace davvero tanto che non potrai più avere momenti con lui… ma sento che PINO è vicino a te e vuole che la sua bimba sia felice e vada avanti per la vita senza soffrire…continua per sempre a portarlo nel cuore …lui sarà sicuramente felice”.

Fabiola Sciabbarrasi, ex compagna di Pino Daniele, ad un anno dalla scomparsa del famoso cantante ha voluto rilasciare un’intervista ad un famoso quotidiano italiano.

La Sciabbarrasi madre di Sara e di altri due figli Sonia di 14 anni e Francesco di 10 anni avuti dalla lunga relazione con Pino Daniele ha affermato che: “Il modo migliore per tenere viva la sua memoria è evitare ogni tipo di faida e far parlare solo la sua straordinaria musica”.

La donna ha anche svelato che da quando è morto Pino Daniele: “Non riesco più a sentire le sue canzoni. È passato un anno lungo un giorno. Per noi è come se Pino se ne fosse andato ieri. Quelle emozioni devastanti non passano mai. Ci abituiamo solo a conviverci in modo diverso”.

L’ex compagna per tanti anni del cantante napoletano ha parlato del primo Natale passato senza Pino Daniele: “Non avrei mai immaginato che Pino non avrebbe visto crescere i suoi figli. Natale non è più Natale e le feste passano con un’eco forte di dolore. Ma Francesco ci insegna come gestirlo. È l’ometto di casa. Quando vede un cedimento nelle donne, è lui a porgere il suo braccio per sostenere me e le sorelle”.