breaking-news, Italia

Benoit Violier choc si è ucciso era lo chef migliore al mondo

Benoit-Violier-si-è-suicidato-con-un-colpo-di-fucile-lo-chef-migliore-al-mondo

Lo chef più famoso al mondo ha deciso di farla finita e si è sparato con un colpo di fucile nella sua abitazione. I motivi del clamoroso gesto non sono ancora noti e la polizia Svizzera sta indagando per comprendere cosa può aver spinto un uomo così affermato a togliersi la vita.

Solo qualche mese fa Benoit Violier era stato premiato come il miglior chef del mondo e il suo ristorante a Losanna è sempre stato uno dei locali più frequentati al mondo.

Benoît Violier aveva solo 44 anni ed aveva raggiunto tutti i traguardi possibili. L’uomo, che si è suicidato con un colpo da arma da fuoco, era stato eletto solo l’anno scorso miglior Chef del mondo ed era famosissimo per il suo modo unico di interpretare la cucina. Benoit Violier era stato scelto come miglior cuoco del mondo tra più di mille partecipanti provenienti da 48 nazioni differenti. L’uomo aveva raggiunto, con l’importante riconoscimento, l’apice della sua carriera.

Lo chef più bravo del mondo gestiva dal 2012 un rinomato ristorante a Losanna, in Svizzera.  Il ristorante dell’Hotel de Ville di Crissier di Losanna che era gestito da Benoit Violier aveva una celebrità incredibile attestata dalle tre stelle Michelin. Nelle prime ore di domenica scorsa però Benoit Violier ha deciso di farla finita e si è ucciso con un fucile da caccia che deteneva nel suo appartamento.

Le forze dell’ordine, arrivate nella lussuosa abitazione dello Chef svizzero solo qualche minuto dopo il tragico evento, hanno capito subito che Benoit Violier aveva deciso di farla finita. Ma gli investigatori stanno cercando di comprendere quale possa essere stato il movente che ha spinto a un gesto così estremo un uomo che aveva tutto dalla vita.

Gli investigatori ipotizzano che lo chef svizzero stesse vivendo un momento di grandissimo stress lavorativo ed era ancora molto chioccato dalla morte del padre Philippe Rochat, morto l’anno scorso all’età di 61 anni per un infarto fulminante che lo aveva colpito mentre stava passeggiava in bici. Benoit Violier era uno degli chef più rinomati al mondo e per poter assaggiare i suoi celebri piatti bisognava prenotare 4 mesi prima.

In particolare Benoit Violier era bravissimo nel cucinare la selvaggina ed era un grande appassionato di caccia. Benoit Violier era notissimo ed aveva ottenuto tutti i riconoscimenti che uno chef nella sua carriera possa ottenere.

Il ristorante dell’Hotel de Ville di Crissier lo gestiva con la moglie che si chiama Brigitte e da lei aveva avuto un figlio. Solo qualche mese fa lo chef svizzero aveva pubblicato un libro di oltre 100° pagine nelle quali illustrava le sue migliori ricette e come bisognava cucinare la selvaggina.

L’uomo, secondo alcuni amici, “era sì molto stressato per la gestione del ristorante, ma era anche un uomo realizzato, con una bella famiglia, sembrava calmo e sereno”.

Benoit Violier aveva rilasciato numerose interviste nell’ultimo periodo di vita ed aveva illustrato i numerosi progetti che aveva tra i quali quello di aprire una scuola di cucina vicinissima al suo prestigioso ristorante. Inoltre, voleva organizzare dei corsi di cucina a cui avrebbero potuto partecipare i bambini con i rispettivi genitori.

Un altro grande chef francese si suicidò nel 2003. Si chiamava Bernard Loiseau e decise di farla finita all’età di 52 anni. Il suo suicidio avvenne perché l’uomo aveva paura che il suo ristorante fosse declassato dagli esperti della guida Michelin.

Molti sono stati i messaggi di cordoglio per la morte del più grande cuoco del mondo. In particolare, alcuni suoi colleghi francesi hanno voluto ricordarlo con lunghi messaggi suoi social.