breaking-news, Italia

Napoli, sequestrato zoo abusivo con più di 100 animali, con dromedari e lama

Napoli-sequestrato-zoo-abusivo-con-più-di-100-animali-con-dromedari-e-lama

Una scoperta incredibile quella fatta dal corpo della guardia di finanza di Napoli e dagli uomini del corpo forestale del comando provinciale del capoluogo. In seguito ad un’attività investigativa che è durata alcuni mesi, gli uomini della Forestale e delle guardie gialle, ieri hanno sequestrato nelle vicinanze di Napoli un’area destinata ad un zoo clandestino.

Il terreno aveva delle recinzioni non autorizzate nelle quali erano ospitati abusivamente più 100 animali alcuni dei quali appartenenti a specie protette. Gli uomini della guardia di finanza hanno scoperto che l’ampia zona di terreno ospitava animali delle specie più svariate: dai dromedari, ai cammelli, alcuni lama, cavalli ed anche alcune grandi testuggini.

Gli investigatori si sono insospettiti ed hanno iniziato ad indagare dopo aver scoperto che alcune scolaresche della zona, molto spesso, andavano a visitare lo zoo abusivo che si trovava nei pressi del comune di Saviano nella periferia di Napoli. Gli alunni si recavano nello zoo che non aveva alcun permesso per ospitare gli animali vedere da vicino i lama e alcuni dromedari.

La guardia di finanza ha provveduto al sequestro della zona perché l’area non solo era abusivamente attrezzata come zoo ma non rispettava neppure le più elementari norme sulla sicurezza.

L’area che è stata sequestrata non solo ospitava più di 100 animali ma aveva anche altre attrazioni sia per i più piccoli che i più grandi. La zona aveva un enorme parco giochi per bambini, una grandissima piscina ed un faraonico ristorante, strutture anch’esse prive di autorizzazioni.

Gli uomini della guardia di finanza hanno anche sequestrato tre tartarughe che appartengono ad una specie in via di estinzione, consegnate successivamente ai veterinari dell’asl di Napoli.

La guardia di Finanza non ha ancora reso pubblici i nomi delle persone che gestivano lo zoo abusivo.